La BCE dice sì ai “titoli spazzatura”.

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) ha adottato misure temporanee per mitigare l’effetto sulla disponibilità collaterale di possibili declassamenti del rating risultanti dalla ricaduta economica della pandemia di coronavirus.

In parole povere l’istituzione responsabile della politica monetaria europea ha abbassato i requisiti minimi di qualità del credito per le attività accettate come collaterali in operazioni di rifinanziamento dell’eurosistema. 

In particolare i pacchetti collaterali pari a BBB- (ovvero i titoli spazzatura) continueranno ad essere ammissibili in caso di declassamento del rating purchè esso resti pari o superiore al livello BB. 

Ciò, nelle previsioni della BCE, dovrebbe garantire, in questa fase di emergenza, la continua disponibilità di garanzie per le banche, agevolando il finanziamenti alle famiglie e imprese”.

LEGGI ANCHE:  Risposta al coronavirus: la Commissione fa il punto sull'attuazione delle misure per consumatori e imprese.

La decisione, in vigore fino a settembre 2021, integra il più ampio pacchetto di allentamento delle garanzie collaterali che è stato annunciato il 7 aprile 2020.

foto Copyright European Union.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.