Indennità autonomi, Patuanelli: “Raddoppio della mensilità e aumento dell’indennizzo”.

Il Ministro Stefano Patuanelli è intervenuto oggi al Question Time alla Camera dei Deputati. Tra i punti toccati il rilancio di Alitalia, la liquidità alle imprese e le prossime agevolazioni per gli autonomi.

“Ad oggi, vi posso dire che le misure del decreto liquidità hanno portato a 14.723 operazioni già garantite per un totale di prestiti erogati pari a circa 2 miliardi e 441 mila euro. Di queste operazioni, 1.055 sono relative ai micro-finanziamenti fino a 25.000 euro, ammontanti ad un totale di prestiti erogati pari a circa 24 milioni di euro”.

“Nel decreto di aprile, il fondo di garanzia avrà una dotazione superiore di altri 4 miliardi di euro, oltre i circa 2,5 miliardi che già sono a sua disposizione, oltre al fatto che durante l’anno il fondo recupera dalla restituzione delle imprese un altro miliardo. Arriveremo quindi già nelle prossime settimane ad avere a disposizione oltre 7,5 miliardi con un effetto leva che porta l’impatto della misura a cifre importanti per le Pmi, oltre a tutte le altre garanzie che sono già state rese note e che stanno già funzionando”.

LEGGI ANCHE:  Un rappresentante sardo al Parlamento europeo. Si "sveglia" il Consiglio regionale.

“Si tratta però di dare anche liquidità immediata a ristoro ed è quello che stiamo prevedendo nel decreto di aprile. Stiamo pensando al raddoppio della mensilità e un aumento dell’indennizzo. Ricordo che la misura dei 600 euro riguarda le persone fisiche che fanno attività di impresa, ma anche i soci lavoratori delle snc e delle sas. C’è ovviamente una parte di imprese non toccate da questi provvedimenti, ad esempio le srl. Per le imprese con meno di 10 dipendenti stiamo lavorando ad una misura di ristoro diretto che permetterà di fornire liquidità diretta e non a prestito e in più ricordo che per la misura dei 600 euro è in fase di studio, inserendola nel decreto aprile, l’erogazione di un importo superiore e non per una sola mensilità ma per due. Stiamo parlando di importi molto importanti di liquidità diretta. Tra le misure già messe in campo e quelle in lavorazione si parla di circa 15 miliardi, una cifra forse più alta della media degli interventi fatti per la liquidità diretta e l’indennizzo negli altri paesi europei”.

LEGGI ANCHE:  “Caso Gallus”, l'opposizione in Consiglio regionale: "Blocco dei lavori della Sesta commissione".

Il Ministro ha poi precisato il punto del Governo Conte sul rilancio di Alitalia: “Riteniamo che sia il momento giusto per investire e non per ridimensionare la flotta, non è questo l’obiettivo del Governo. Oggi Alitalia vola con un numero di aeroplani molto ridotto perché ovviamente è ridotto il mercato ma dovrà essere pronta, con la costituzione della newco a capitale pubblico, a cogliere le opportunità. Alitalia ha sempre viaggiato in questi ultimi anni con un grande gap di mercato rispetto alle altre grandi compagnie, questo è indiscutibile per una serie di ragioni che non sta a noi oggi giudicare perché non c’è ne modo ne tempo. E’ chiaro che la crisi del mercato complessivo porta anche a qualche opportunità in più: quella di scalare un mercato che finora era precluso per Alitalia, ma che non lo sarà più quando la situazione tornerà alla normalità”.

LEGGI ANCHE:  No Women, no Panel: più forma che sostanza.

foto mise.gov.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.