INAPP: “Il 41% delle imprese turistiche usa internet per acquisire la propria clientela”.

Senza l’utilizzo dell’online il settore terziario, specialmente quello turistico, non va lontano, come confermato dalla percentuale di aziende del comparto interessate dal fenomeno (41%) e contando, inoltre, che il fatturato intermediato dalle piattaforme digitali rappresenta quasi la metà del giro d’affari in quelle del settore del turismo.

È quanto emerge dal nuovo Rapporto di ricerca “Piattaforme, imprese e lavoro nel mercato della ristorazione, del turismo e dei trasporti in Italia. I risultati dell’Indagine Inapp DPS” presentato oggi dall’Inapp (Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche).

Un lavoro di ricerca basato sui dati raccolti dall’indagine “Inapp Digital platform survey”, che per la prima volta ha intervistato, nel corso del 2022, un campione di 40mila imprese, che comprende anche le aziende con meno di 3 addetti, rappresentativo delle 298.991 imprese operanti in Italia nei settori della ristorazione, del turismo e dei trasporti terrestri.

LEGGI ANCHE:  Nuove startup per ridare vita al quartiere Is Mirrionis

Nella ristorazione, è il 68% dei contratti stipulati dalle aziende con le piattaforme (37% nel turismo) che prevede clausole di dipendenza per l’incasso dei pagamenti e sette volte su dieci le condizioni contrattuali derivano dall’imposizione di clausole unilaterali. Così come unilaterali sono le richieste di modifica contrattuale da parte delle piattaforme (32% nel turismo e 20% nella ristorazione). Inoltre, un’impresa su 4 nella ristorazione non ha accesso a informazioni sulla propria clientela, una su 8 nel turismo, con possibili ripercussioni per quanto riguarda le strategie di mercato.In particolare, il Rapporto evidenzia che il 41% delle imprese alberghiere, di ristorazione e di trasporto su gomma utilizza internet per acquisire clientela.

LEGGI ANCHE:  Export Made in Italy: +18% nei primi sette mesi del 2021.

Tra le altre caratteristiche l’indagine sottolinea che le imprese che utilizzano piattaforme digitali hanno mediamente più occupati rispetto a quelle che utilizzano canali tradizionali, l’8% delle imprese della ristorazione e del turismo fattura più attraverso le piattaforme che tramite altri canali e, infine, che il 4% delle imprese della ristorazione e del turismo utilizza una sola piattaforma.

Il rapporto INAPP, però, fa anche il punto sui rischi di dipendenza tecnologica, finanziaria e sullo squilibrio di potere nel mercato, posto che tutte le piattaforme leader sono multinazionali e non italiane. “L’economia delle piattaforme digitali – spiega il presidente dell’INAPP, Natale Forlani, offre alle imprese opportunità in termini di ampliamento, diversificazione delle quote di mercato, riorganizzazione della produzione, della pubblicità e del marketing, ma ricorda che nel triennio interessato dal rapporto, l’Italia che, per prima, ha dovuto fronteggiare le conseguenze del diffondersi dell’epidemia da Covid-19, ha sperimentato un’accelerazione della diffusione della digitalizzazione che è un bene, ma questa va regolamentata perché le aziende che investono nel digitale non devono subire costi eccessivi di intermediazione derivanti da squilibri di potere nel mercato dell’economia digitale”.

LEGGI ANCHE:  Turismo, Chessa: "Registrazione B&B fino al 30 giugno"