Giovani, nuovi narratori e attori della cooperazione allo sviluppo.

Comprendere le cause profonde delle migrazioni, il peso dei programmi di cooperazione e di aiuto umanitario, discutere di questi temi con i decisori locali. Sono questi gli obiettivi principali dei Tavoli Regionali organizzati nell’ambito del progetto “Giovani: nuovi narratori e attori della cooperazione allo sviluppo”, per giovani dagli 11 ai 35 anni.
In Sardegna, l’incontro finanziato dall’Agenzia nazionale per la cooperazione allo sviluppo (AICS) e organizzato da Oxfam in collaborazione con ForumSaD, Ipsia Sardegna, Maìs e WeWorld si terrà sabato 21 settembre a partire dalle 9.00 al Lazzaretto di Cagliari.
Per gli organizzatori dell’incontro: “Si tratta di una iniziativa a carattere nazionale attraverso la quale vorremmo creare un’occasione di confronto tra i giovani e i decisori per strutturare un percorso duraturo nel tempo che dia attuazione a quanto previsto dalla Strategia Italiana per l’Educazione alla Cittadinanza Globale rispetto ai piani di azione territoriali. L’attività dei Tavoli, prevista all’interno del progetto, darà quindi l’opportunità ai giovani partecipanti di farsi promotori di idee”.
La partecipazione alle attività è dedicata a una rappresentanza di giovani che in ciascun territorio ha partecipato al percorso educativo (in contesti formali e informali), desiderosi di impegnarsi in una interlocuzione diretta con i decisori politici del proprio territorio, e una rappresentanza di decisori locali provenienti da Regioni/Comuni, ma anche altri stakeholder afferenti al mondo della scuola, dell’università, dell’associazionismo giovanile, del volontariato, delle imprese.
All’evento di Cagliari parteciperanno la deputata Romina Mura e il consigliere regionale Valter Piscedda. 

LEGGI ANCHE:  Sostegno psicologico ai giovani: al via il progetto dell'Associazione Occupy Albaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.