Giovani. In Ue il tasso di grave deprivazione materiale e sociale è al 6,1%.

Nel 2022, il tasso di grave deprivazione materiale e sociale tra i giovani (di età compresa tra 15 e 29 anni) nell’UE era del 6,1%. Il tasso era leggermente più alto (6,7%) tra la popolazione totale (tutte le persone che vivono in economie domestiche).

Le percentuali più elevate di giovani che hanno dovuto affrontare gravi deprivazioni materiali e sociali nel 2022 sono state registrate dall’Eurostat in Romania (25,4%), Bulgaria (18,6%) e Grecia (14,9%). Al contrario, il tasso era inferiore al 3% in 12 membri dell’UE: Slovenia, Austria, Lussemburgo, Croazia, Polonia, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Estonia, Malta, Cipro, Finlandia e Svezia.

Nel 2022, il tasso complessivo di rischio di povertà o esclusione sociale (AROPE) per i giovani di età compresa tra 15 e 29 anni era del 24,5%, ovvero 2,9 punti percentuali (pp) superiore al tasso della popolazione totale (21,6%).

LEGGI ANCHE:  L'agricoltura under35 non da frutti in Sardegna.

Esaminando le specifiche componenti AROPE, il tasso di rischio di povertà tra i giovani era di 2,8 pp più alto rispetto alla popolazione generale (19,3% tra i giovani di età compresa tra 15 e 29 anni rispetto al 16,5% per la popolazione totale). Allo stesso modo, la percentuale di individui che vivono in famiglie con un’intensità di lavoro molto bassa era maggiore di 0,4 pp tra i giovani (8,7% rispetto all’8,3% per la popolazione totale).

Al contrario, la percentuale di persone in grave deprivazione materiale e sociale era leggermente inferiore tra i giovani rispetto alla popolazione totale.

foto TDM2000