Giorno della Memoria. La storia di Michelangelo Onigi.

Michelangelo Onigi, nato il 16 gennaio 1921, all’età di 19 anni, dopo essere stato mandato al fronte greco nel reparto fanteria fu fatto prigioniero e deportato in Germania nel campo di concentramento di Buchenwald. Terminata la guerra, dopo aver fatto rientro in Italia, si arruolò nel corpo delle guardie di pubblica sicurezza. 

Nel 2014, in occasione della festa della Repubblica, presso la prefettura di Terni ha ricevuto il riconoscimento della medaglia d’onore conferita ad alcuni ex deportati nei campi nazisti. Oggi vive ad Orvieto.

Nella sua testimonianza rivive una delle pagine più oscure della storia dell’umanità: l’Olocausto.

LEGGI ANCHE:  Oristano. Le iniziative del comune per la 'Giornata della Memoria'