Gaza. Austin chiede l’aumento degli aiuti umanitari.

Il segretario alla Difesa Lloyd J. Austin III chiede di aumetare gli aiuti per la popolazione di Gaza. Appello ribadito nel corso dell’ultimo incontro con il ministro della Difesa israeliano ,Yoav Gallant. I due, inoltre, hanno discusso del conflitto in corso a Gaza, degli sforzi israeliani per garantire la sconfitta di Hamas e della necessità di garantire il rilascio di tutti gli ostaggi.

“Il segretario Austin ha nuovamente sollevato la necessità di un rapido aumento degli aiuti che arriveranno attraverso tutti i valichi nei prossimi giorni, in particolare alle comunità nel nord di Gaza che sono a rischio di carestia”, reca l’ultima nota del Pentagono.

La Striscia di Gaza, lunga circa 25 miglia, si trova interamente all’interno di Israele e confina a sud con l’Egitto. Al suo interno sono tre le località lungo il suo confine dove le forniture umanitarie potrebbero arrivare a Gaza sia dall’Egitto che da Israele. Tali luoghi includono il valico di Erez nel nord di Gaza e il valico di Kerem Shalom nel sud di Gaza. Entrambi questi valichi collegano Gaza a Israele. Il valico di Rafah si trova al confine di Gaza con l’Egitto.

LEGGI ANCHE:  Uniss. Pubblicato il bando Erasmus+.

Al momento, però, tutti e tre i valichi sono chiusi o hanno disponibilità limitata. “Gli Stati Uniti – prosegue la nota del Pentagono – hanno continuato a fare pressione sul governo israeliano affinché sia aperto il flusso per maggiori aiuti attraverso tutti i valichi di terra disponibili”.

Nel frattempo, gli Stati Uniti stanno pianificando una rotta marittima dal Mar Mediterraneo alla costa di Gaza utilizzando la capacità logistica congiunta over-the-shore, chiamata JLOTS, con l’biettivo di costruire un molo galleggiante da inviare sulla costa di Gaza. Una volta che tale capacità sarà operativa e sarà pienamente operativa, si prevede che fino a 2 milioni di pasti umanitari al giorno potrebbero essere consegnati a Gaza.

LEGGI ANCHE:  Escalation militare. Carri armati M1 Abrams verso l'Ucraina.

Le navi che trasportano l’attrezzatura JLOTS e i membri del servizio che la assembleranno sono ora in rotta verso il Mar Mediterraneo.

“Ci aspettiamo di raggiungere la piena capacità operativa entro la fine del mese, all’inizio di maggio”, ha affermato Pat Ryder dal Pentagono. “Naturalmente, stiamo lavorando per muoverci il più rapidamente possibile su questo fronte. Una volta operativi la capacità che ciò fornirà sarà la capacità di inviare a Gaza più di 2 milioni di pasti al giorno”.

Dal 2 marzo 2024, il Comando Centrale degli Stati Uniti, a volte in coordinamento con la Royal Jordanian Air Force, ha condotto 23 missioni umanitarie per lanciare aiuti a Gaza. Da allora sono stati forniti più di 680.000 pasti.

LEGGI ANCHE:  Palestina, Pellegrino: "Governi denuncino crimini commessi".

Sull’apertura di ulteriori punti di accesso agli aiuti umanitari da parte del Governo israeliano, in particolare l’apertura del porto di Ashdod e del valico di Erez per consentire il flusso diretto degli aiuti nel nord di Gaza e per aumentare significativamente le consegne dalla Giordania, la Commissione Ue ha dichiarato che “tali misure dovrebbero essere attuate in modo rapido e completo”, ribadendo nell’occasione l’importanza di “proteggere i civili e gli operatori umanitari in linea con il diritto umanitario e internazionale”

L’Unione Europea ha aumentato significativamente il suo sostegno finanziario e umanitario al popolo palestinese e ha lanciato 44 voli, trasportando finora quasi 2.000 tonnellate di aiuti, come parte dell’operazione UE di ponte aereo umanitario.

foto Air Force 1st Lt. Kaitlyn Lawton