Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Fratelli d'Italia Sardegna: "Mancano i vaccini, Governo rispetti gli impegni”. - Sardegnagol

Fratelli d’Italia Sardegna: “Mancano i vaccini, Governo rispetti gli impegni”.

Mancano le dosi di vaccino in Sardegna. Questa la denuncia dei consiglieri regionali di Fratelli d’Italia che, oggi, hanno chiesto a tutte le forze politiche sarde presenti nel Governo Draghi di farsi ambasciatori affinché ci sia il promesso cambio di passo nella gestione dell’emergenza sanitaria a livello nazionale.

“Il Governo rispetti gli impegni presi – affermano gli esponenti di FdI Francesco Mura, Fausto Piga e Nico Mundula – Per giorni la Regione Sardegna ha subito critiche e attacchi strumentali sulla lentezza delle vaccinazioni, ma il vero problema sono la mancanza di vaccini e il mancato rispetto delle consegne nei tempi e nelle quantità programmate”.

Un vero e proprio fuori programma per l’immunizzazione della popolazione in Sardegna che, secondo i consiglieri regionali, sta provocando “una battuta d’arresto proprio quando la campagna vaccinale aveva preso ritmo e stava macinando i numeri migliori a livello italiano, facendo salire a circa 326mila le dosi somministrate, a fronte delle 402.820 consegnate sinora alla Regione, con una percentuale di circa l’81%”.

LEGGI ANCHE:  Personale sanità. Approvate le linee di indirizzo per i concorsi regionali.

Da qui la controreplica alle recenti critiche espresse dalle forze d’opposizione in Consiglio regionale verso la maggioranza: “In Sardegna i Cinque stelle e le sinistre portano fuori gli artigli e la peggior opposizione demagogica contro la Regione, ma verso i loro sodali di Governo trovano sempre giustificazioni e parole di comprensione. Entro maggio – concludono gli esponenti di FdI – occorre vaccinare la stragrande maggioranza della popolazione sarda o la stagione turistica potrebbe essere compromessa. Cinque stelle, le sinistre sarde, e anche i partiti di cdx al Governo abbiano il coraggio di alzare la voce verso l’esecutivo: in ballo non c’è la reputazione dei partiti, ma il futuro economico e sociale dell’isola”.

LEGGI ANCHE:  Maria Laura Orrù: "Il progetto di legge 26 è una legge di civiltà".

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata