Fine del Ramadan e blocco della scuola media ‘G. Manno’, Andrea Piras: “Il rispetto altrui deve essere reciproco”.

La festa di fine Ramadan, la seconda celebrazione religiosa più importante del mondo islamico, ha portato oggi al raduno di tantissimi fedeli in preghiera al di fuori della moschea in via del Collegio a Cagliari. Una situazione, come ha ricordato oggi l’esponente della Lega Andrea Piras, ha causato il temporaneo impedimento della corretta fruizione degli edifici della scuola secondaria di I grado ‘G. Manno’:

“Sono state tante le segnalazioni di studenti e insegnanti che si sono trovati questa mattina impossibilitati a recarsi all’interno della scuola per la moltitudine di persone presenti al suo esterno, una criticità resa ancor più pesante dalle già sin troppo accentuate giornate di assenza legate alla pandemia. Pur nel pieno rispetto delle religioni altrui e dell’individuale diritto alla professione della propria fede – ha aggiunto Andrea Piras – non possiamo non notare come certe situazioni, come quelle di oggi, si devono evitare. Abbiamo chiesto ai nostri cittadini tanti sacrifici, abbiamo visto applicate tante restrizioni, talvolta non condivise, e capiamo bene come la vista di certe immagini possano urtare la sensibilità di chi da un anno a questa parte attende di poter riprendere la sua attività”.

LEGGI ANCHE:  Istat, né scuola né occupazione per 2 milioni di giovani.