“Fenici, la rotta del Sud” in esposizione a Sant’Antioco.

“Fenici, la rotta del Sud”, la mostra della fotografa e collaboratrice di Sardegnagol Marina Federica Patteri dedicata alle località costiere della Sardegna sudoccidentale in passato toccate dalla presenza dei fenici, sarà in esposizione dal 17 novembre al  17 dicembre, a Sant’Antioco nelle sale del  MAB – Museo Archeologico “Ferruccio Barreca”.

In ragione della sua posizione geografica, la Sardegna fu uno snodo importante delle rotte dei fenici che vi fondarono città e insediamenti, alcuni dei quali ancora esistenti come l’antica Sulki, oggi Sant’Antioco. Il succedersi di epoche e popoli ha quasi del tutto celato le tracce della civiltà fenicia in Sardegna. Ciò, se da un lato ci priva delle testimonianze della loro presenza, dall’altro consente il poter apprezzare una visuale analoga a quella dei primi navigatori che dalla terra dei cedri approdarono sull’Isola.

LEGGI ANCHE:  Nasce Time 2 Rap, la label dedicata alle sonorità estreme del rap.

Basato su tale suggestione, “Fenici, la rotta del Sud” è il racconto fotografico di un itinerario che si sviluppa lungo alcuni di tali luoghi. Un viaggio ideale la cui direzione e, al contempo, meta finale sono la bellezza dei paesaggi costieri e della poesia in essi custodita.

La mostra, che fa seguito al primo allestimento del palazzo Regio di Cagliari e sarà inaugurata venerdì 17 novembre alle 18, è realizzata dalla Casa di Prometeo in collaborazione con l’associazione Amici di Sardegna e con l’Ente Concerti Iglesias Sardegna, e si svolge con il patrocinio del Comune di Sant’Antioco, della Città Metropolitana di Cagliari e del Comune di Cagliari, del Parco Storico Archeologico di Sant’Antioco.

LEGGI ANCHE:  Young driver 2024: i giovani dell'ASI riportano i veicoli d'epoca sulle strade della Sardegna.