Fase due, Presidente Conte: “È fin troppo facile dire apriamo tutto”.

Oggi il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, terrà un’informativa alle ore 15.00 al Senato e alle 17.30 alla Camera sulle recenti iniziative del Governo per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Stamattina, anticipando gli incontri istituzionali con i due rami del Parlamento, il Primo ministro ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla gestione della ‘fase due’ che, di fatto, ha radicalmente mutato i toni della discussione politica, l’agenda delle priorità e la stessa stucchevole retorica che ha accompagnato la ‘fase uno’ dell’emergenza.

In questa fase – per il Presidente Conte – non possiamo permetterci di agire affidandoci all’improvvisazione. Non possiamo abbandonare la linea della massima cautela, anche nella prospettiva della ripartenza. Non possiamo affidarci a decisioni estemporanee pur di assecondare una parte dell’opinione pubblica o di soddisfare le richieste di alcune categorie produttive, di singole aziende o di specifiche Regioni. L’allentamento delle misure deve avvenire sulla base di un piano ben strutturato e articolato. Dobbiamo riaprire sulla base di un programma che prenda in considerazione tutti i dettagli e incroci tutti i dati. Un programma serio, scientifico. Non possiamo permetterci di tralasciare nessun particolare, perché l’allentamento porta con sé il rischio concreto di un deciso innalzamento della curva dei contagi e dobbiamo essere preparati a contenere questa risalita ai minimi livelli, in modo che il rischio del contagio risulti ‘tollerabile’ soprattutto in considerazione della recettività delle nostre strutture ospedaliere”.

LEGGI ANCHE:  Pnrr: l'Italia presenta la richiesta di modifica.

Nel suo intervento Giuseppe Conte ha richiamato l’annoso problema della riapertura delle aziende: “Vi faccio un esempio. Non possiamo limitarci a pretendere, da parte della singola impresa, il rispetto del protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro che pure abbiamo predisposto per questa epidemia. Dobbiamo valutare anche i flussi dei lavoratori che la riapertura di questa impresa genera. Le percentuali di chi usa i mezzi pubblici, i mezzi privati, in quali orari, con quale densità. Come possiamo garantire all’interno dei mezzi di trasporto la distanza sociale? Come possiamo evitare che si creino sovraffollamenti, le famose “ore di punta”? Come favorire il ricorso a modalità di trasporto alternative e decongestionanti?”.

LEGGI ANCHE:  Il poeta Giuseppe Conte al Festival Liberevento.

Una puntualizzazione poi sul dilagante atteggiamento ottimistico e di superficialità legato alla nuova fase: “È fin troppo facile dire ‘apriamo tutto’. Ma i buoni propositi vanno tradotti nella realtà, nella realtà del nostro Paese, tenendo conto di tutte le nostre potenzialità, ma anche dei limiti attuali che ben conosciamo. Nei prossimi giorni analizzeremo a fondo questo piano di riapertura e ne approfondiremo tutti i dettagli. Alla fine, ci assumeremo la responsabilità delle decisioni, che spettano al Governo e che non possono essere certo demandate agli esperti, che pure ci offrono una preziosa base di valutazione. Assumeremo le decisioni che spettano alla Politica come abbiamo sempre fatto”.

LEGGI ANCHE:  Il Consiglio approva l'assestamento di bilancio, Pais: 'Importanti risorse per i sardi'

Conte ha poi concluso il suo intervento preannunciando la presentazione del piano relativo alla ‘fase due’: “Prima della fine di questa settimana confido di comunicarvi questo piano e di illustrarvi i dettagli di questo articolato programma. Una previsione ragionevole è che lo applicheremo a partire dal prossimo 4 maggio”.

foto governo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.