Eurostat: “I prezzi dell’elettricità e del gas si stabilizzeranno nel 2023”.

Dopo un aumento significativo dei prezzi iniziato prima dell’invasione russa dell’Ucraina, ma salito alle stelle nel secondo semestre del 2022, i prezzi dell’elettricità e del gas si stanno stabilizzando. Lo ha chiarito ieri, attraverso una nota, l’istituto Eurostat.

Nella prima metà del 2023, i prezzi medi dell’elettricità per uso domestico nell’Ue hanno continuato a mostrare un aumento rispetto allo stesso periodo del 2022, da 25,3 euro per 100 kWh a 28,9 euro per 100 kWh. Anche i prezzi medi del gas sono aumentati rispetto allo stesso periodo del 2022, passando da 8,6 euro per 100 kWh a 11,9 euro per 100 kWh nella prima metà del 2023. 

Il prezzo senza tasse dell’elettricità e del gas naturale diminuisce. I Paesi, in parte, ritirano le loro misure di sostegno. Di conseguenza, i prezzi finali al cliente, tasse incluse, sono leggermente più alti rispetto al periodo di riferimento precedente. 

LEGGI ANCHE:  Sassoli: “Il Parlamento europeo non accetterà un accordo qualsiasi”

Rispetto al primo semestre 2022, nel primo semestre 2023 la quota delle imposte sulle bollette elettriche è scesa dal 23% al 19% (-4%) e su quella gas dal 27% al 19% (-8%). con tutti i paesi dell’UE che prevedono indennità e sussidi governativi o riducono tasse e imposte per mitigare gli elevati costi energetici.

I dati di Eurostat, ancora, mostrano che i prezzi dell’elettricità domestica sono aumentati in 22 Paesi dell’UE nella prima metà del 2023 rispetto alla prima metà del 2022. In valuta nazionale, l’aumento maggiore (+953%) è stato registrato nei Paesi Bassi. Questo aumento è legato a diversi fattori: le misure di sgravio fiscale del 2022 non sono state mantenute nel 2023 e, allo stesso tempo, le tasse energetiche sull’elettricità sono raddoppiate per le famiglie. Verrà incorporato un tetto massimo che abbasserà i prezzi a tutti i livelli in modo abbastanza significativo nel 2023. Grandi aumenti della valuta nazionale sono stati registrati anche in Lituania (+88%), Romania (+77%) e Lettonia (+74%). 

LEGGI ANCHE:  Produzione di servizi nell’Ue: in calo dello 0,6% nell’ottobre 2023.

Forti diminuzioni della valuta nazionale sono state registrate in Spagna (-41%), seguita dalla Danimarca (-16%). Diminuzioni minori sono state segnalate in Portogallo (-6%), Malta (-3%) e Lussemburgo, vicine allo 0 (-0,4%). 

Espressi in euro, i prezzi medi dell’elettricità domestica nella prima metà del 2023 sono stati i più bassi in Bulgaria (11,4 € per 100 kWh), Ungheria (11,6 €), Malta (12,6 €) e i più alti nei Paesi Bassi (47,5 €), Belgio ( 43,5 €), Romania (42,0 €) e Germania (41,3 €). 

Tra la prima metà del 2022 e la prima metà del 2023, i prezzi del gas sono aumentati in 20 dei 24 membri dell’UE che segnalano i prezzi del gas. 

LEGGI ANCHE:  USA, sempre più armi per l'Ucraina.

I prezzi del gas (nelle valute nazionali) sono aumentati maggiormente in Lettonia (+139%), Romania (+134%), Austria (+103%), Paesi Bassi (+99%) e Irlanda (+73%). All’estremo opposto, Estonia, Croazia e Italia hanno registrato diminuzioni comprese tra -0,6% e -0,5%, mentre in Lituania il prezzo è rimasto invariato. 

Espressi in euro, i prezzi medi del gas domestico nella prima metà del 2023 sono stati i più bassi in Ungheria (3,4 € per 100 kWh), Croazia (4,1 €) e Slovacchia (5,7 €) e i più alti nei Paesi Bassi (24,8 €), Svezia (€ 21,9) e Danimarca (16,6€). 

foto Free-Photos da Pixabay.com