Due persone intossicate. L’appello della Asl Sassari: “Prestate attenzione ai funghi”.

Due uomini in ospedale. E’ questo il resoconto degli ultimi due episodi di intossicazione in seguito a consumo di funghi non commestibili registrati nel corso degli ultimi giorni nel Nord ovest della Sardegna.

Nel primo caso si tratta di un uomo di 65 anni di Alghero che aveva raccolto i funghi in campagna, cucinandoli per pranzo, e regalandone ai vicini di casa e al fratello. Dopo la cottura dei funghi una parte degli scarti dovuti alla pulizia erano stati fatti mangiare anche ai gatti di casa che, a distanza di qualche ora dal consumo, così come il 65enne, hanno iniziato a manifestare sintomi a carico dell’apparato gastrointestinale, come vomito e nausea.

LEGGI ANCHE:  Sanità, proseguono le iniziative spot nell'Isola.

L’uomo e’ stato costretto a rivolgersi al Pronto soccorso dell’ospedale Civile di Alghero, facendo scattare il protocollo da intossicazione da funghi. I sanitari, con la consulenza dei Micologi dell’ Azienda sanitaria di Sassari, hanno trattato l’uomo che poi ha passato i successivi 4 giorni in osservazione. L’indagine e le verifiche messe in campo in seguito all’attivazione del protocollo hanno consentito di raggiungere i vicini di casa e il fratello a cui l’uomo aveva regalato parte dei funghi, poco
prima che gli stessi venissero consumati.

Questa volta il responsabile che ha mandato in ospedale il cercatore di funghi è stato un Entoloma sinuatum. Invece il secondo episodio, che ha interessato un uomo di 41 anni di Sassari finito al Pronto soccorso dell’ospedale “Santissima Annunziata”, e’ stato causato da un piatto di Macrolepiota rhacodes, scambiato per una “Mazza di tamburo” ma tossica,
che ha costretto l’uomo a trascorre 48 ore in ospedale. Entrambi gli uomini stanno bene e sono ora fuori pericolo.

LEGGI ANCHE:  Evade dai domiciliari per la nona volta. Arrestato 46enne cagliaritano.

Nell’occasione l’Asl di Sassari ha lanciato un nuovo appello verso i consumatori di funghi spontanei, ricordando di contattare sempre il micologo dell’azienda prima di consumarli. “L’Azienda sanitaria crede fermamente sul servizio offerto
dall’Ispettorato micologico e intende investire anche in futuro risorse e mezzi per un miglioramento dell’attività, a beneficio della nostra popolazione. Per questo invitiamo tutti, più o meno esperti, a rivolgersi, gratuitamente, ai nostri micologi così da evitare spiacevoli episodi”, ha dichiarato il Direttore generale dell’Asl di Sassari, Flavio Sensi.