Cultura: Franceschini e Guerini firmano protocollo per la valorizzazione dei musei militari.

È stato rinnovato e sottoscritto al Collegio Romano, dal ministro della Cultura, Dario Franceschini e dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, il protocollo per la valorizzazione e la promozione del patrimonio museale militare italiano, firmato il 6 luglio 2016.

“L’attività di valorizzazione del patrimonio museale militare italiano rappresenta per il Ministero della Difesa un dovere prima di tutto, non solo nei confronti dei militari ma di tutti i cittadini italiani cui consegniamo un patrimonio di valori e tradizioni che dobbiamo difendere e tramandare alle nuove generazioni. Ed è significativo che questa firma avvenga nell’anno delle celebrazioni del Centenario del Milite Ignoto, per raccontare la storia del Paese anche attraverso la storia delle Forze Armate Italiane, a conferma dell’importanza che ha per tutti noi la memoria di ci ha preceduto” ha dichiarato Guerini, che ha aggiunto “l’accordo odierno è un ulteriore sviluppo di quella direzione di marcia avviata nel 2016, che ha già dato importanti risultati in termini di valorizzazione, grazie all’impegno del Dicastero e della sua Società in house, Difesa Servizi S.p.A.”.

LEGGI ANCHE:  "Ferrari Forever". Apre la mostra dedicata alle 'classiche' di Maranello.

“I musei militari sono una realtà poco conosciuta ma ampiamente diffusa sul territorio nazionale che custodiscono uno straordinario patrimonio di memorie e conoscenze del nostro Paese da promuovere e valorizzare. L’accordo rafforza gli obiettivi fissati dal primo protocollo del 2016 prevedendo nuove forme di collaborazione per migliorare e potenziare la rete, la fruizione e la gestione dei musei militari italiani, anche attraverso l’integrazione con il Sistema museale nazionale”. Così il ministro della Cultura Dario Franceschini. 

Fra i progetti pilota che si inseriscono nel Protocollo si segnalano due iniziative del Museo storico nazionale d’artiglieria di Torino: l’avvio della costituzione di un Centro per il restauro delle armi antiche e l’accreditamento del Museo quale Centro di catalogazione secondo gli standard dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD). In particolare il protocollo prevede, tra i diversi punti trattati, di favorire progetti culturali mirati a promuovere efficaci attività di tutela, conservazione, ricerca, valorizzazione e ottimizzazione della fruibilità del patrimonio culturale custodito nei musei militari;  di contribuire alla valorizzazione del ruolo educativo, culturale e sociale dei musei militari, mettendo in campo strategie e servizi dedicati per l’attuazione di programmi didattico-educativi finalizzati alla conoscenza, all’accessibilità e alla valorizzazione delle relative collezioni; di promuovere azioni formative indirizzate all’acquisizione di competenze per la gestione e la valorizzazione del patrimonio museale militare; di curare la promozione dei musei appartenenti ai due Ministeri in maniera integrata e sistematica – sia in Italia sia all’estero – anche attraverso il web, al fine di arricchire l’offerta culturale complessivamente disponibile sul territorio nazionale;  di porre in essere iniziative organiche per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio militare storico, nonché per l’allineamento dei musei militari ai Livelli uniformi di qualità e agli standard nazionali e internazionali di qualità, anche attraverso lo studio di modelli adottati da altri Paesi.
Entro trenta giorni dalla sottoscrizione del protocollo, i due ministeri costituiranno un Tavolo tecnico composto da tre rappresentanti dello Stato Maggiore della Difesa e tre rappresentanti del Ministero della Cultura. L’Accordo avrà durata triennale e potrà essere rinnovato.       

LEGGI ANCHE:  XXIII Festival internazionale di musica da camera. Domenica il duo Hauri-Moos.