Crisi nel Nagorno Karabakh: dall’Italia un team per l’Armenia.

Un team italiano, composto da sanitari e personale del Dipartimento della Protezione Civile, è partito verso l’Armenia, a supporto delle autorità sanitarie locali impegnate nell’assistenza della popolazione coinvolta dalla crisi in Nagorno Karabakh.

La missione, nata nell’ambito del Meccanismo di Protezione Civile europeo, è coordinata dal Dipartimento della Protezione Civile che sta provvedendo a rispondere alle richieste delle autorità locali.

Nello specifico il team è composto da un chirurgo plastico, un anestesista e un infermiere, tutti appartenenti alla sanità della Regione Lombardia, e da tre funzionari del Dipartimento. Al seguito della missione è stato inoltre inviato materiale sanitario fondamentale per la cura di pazienti con gravi ustioni. I sanitari italiani saranno impiegati negli ospedali di Yerevan che attualmente ospitano oltre 200 pazienti che hanno riportato gravi ustioni e ferite da scoppio. Anche questa operazione, come il precedente trasferimento di pazienti armeni negli ospedali italiani, è stata supportata dalla CROSS, la Centrale Remota Operazioni Soccorso Sanitario di Pistoia, che ha effettuato la ricognizione per individuare specialisti delle aziende sanitarie italiane da poter inviare come ausilio presso le strutture ospedaliere armene.

LEGGI ANCHE:  Caucaso: non si fermano le ostilità tra Armenia e Azerbaigian.

foto Parlamento europeo