Contributi per ristoranti, bar, piscine e catering. Dal 22 al via le domande.

Dal 22 novembre si apriranno i termini per la presentazione delle domande per ricevere gli aiuti a fondo perduto, previsti dal decreto “Sostegni bis” (il Dl n. 73/2021) per ristoranti, bar, piscine e attività di catering e cerimonie.

Le imprese richiedenti dovranno aver registrato nel 2021 una riduzione dei ricavi di almeno il 40% rispetto a quelli del 2019.

Per compilare e inviare la domanda – i cui termini scadono il 6 dicembre – si potrà utilizzare il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

Per le imprese costituite nel corso del 2020 la riduzione del 40 per cento è determinata tra l’ammontare medio mensile del
fatturato e dei corrispettivi del 2021 rispetto all’ammontare medio mensile dei mesi del 2020 successivi a quello di apertura della partita Iva.

LEGGI ANCHE:  Coforest. Cooperazione Sardegna-Senegal per studiare le tecniche agricole e forestali

Inoltre, le imprese devono essere regolarmente costituite, iscritte e attive nel Registro delle imprese alla data di presentazione della domanda e devono avere sede legale o operativa ubicata in Italia.

Trascorso il termine per la presentazione delle domande, l’Agenzia delle Entrate suddividerà i finanziamenti disponibili per il contributo stabiliti dal Dl n.73/2021. L’importo del contributo per ciascuna impresa sarà pari al minore tra la somma determinata a seguito della ripartizione e quella residua di aiuti ancora fruibili, determinata in base all’ammontare di aiuti in regime “de minimis” riportato nella domanda. Il contributo sarà accreditato direttamente sul conto corrente indicato dal beneficiario nell’istanza.

Foto di Steve Buissinne da Pixabay

LEGGI ANCHE:  ITS, 300mila euro per le quote di iscrizione ai corsi.