Consiglio dell’UE: accordo su REPowerEU.

Il Consiglio dell’UE ha approvato oggi la sua posizione sul piano REPowerEU, caposaldo della strategia europea per eliminare gradualmente la dipendenza dell’Unione dalle importazioni russe di combustibili fossili e procedere verso la profonda diversificazione energetica.

In termini pratici, la proposta del Consiglio mira ad aggiungere un nuovo capitolo REPowerEU ai piani nazionali di ripresa e resilienza (RRP) degli Stati membri dell’UE nell’ambito di NextGenerationEU, al fine di finanziare investimenti chiave e riforme che aiuteranno a raggiungere gli obiettivi REPowerEU.

“Oggi abbiamo compiuto un importante passo avanti nel rafforzare l’autonomia dell’Europa dai combustibili fossili della Russia. Dato il contesto geopolitico da quando la Russia ha iniziato la sua aggressione militare contro l’Ucraina e visti gli ultimi attacchi alle infrastrutture energetiche in Europa, sono certo che sia necessario spingere per un rapido accordo su questa proposta. E la Presidenza ceca è pienamente determinata a mantenere la nostra promessa di rivedere radicalmente il settore energetico dell’Unione e porre fine alla nostra dipendenza dalle importazioni russe di combustibili fossili”, ha dichiarato Zbyněk Stanjura, ministro delle finanze della Repubblica Ceca.

LEGGI ANCHE:  Consiglio dell'UE: via libera ai primi esborsi per la 'ripresa'.

Il Consiglio, in particolare, ha proposto l’allocazione di ulteriori 20 miliardi di euro proposti dalla Commissione Europea. Per quanto riguarda le fonti di finanziamento degli ulteriori 20 miliardi di euro, piuttosto della vendita all’asta dalla riserva di stabilità del mercato del sistema di scambio di quote di emissione (ETS) dell’UE, il Consiglio ha proposto una combinazione di fonti: il Fondo per l’innovazione (75%) e l’anticipo delle quote ETS ( 25%), così da non interrompere il funzionamento del sistema ETS dell’UE garantendo nel contempo un flusso di entrate sostenibile.

Allocazione che dovrebbe tenere conto della politica di coesione, della dipendenza degli Stati membri dai combustibili fossili e dell’aumento dei prezzi di investimento .

LEGGI ANCHE:  EMA: sì del Consiglio al rafforzamento dell'Agenzia europea per i medicinali.

Nella sua posizione, ancora, il Consiglio dell’UE limita l’obbligo per gli Stati membri di presentare il capitolo REPowerEU solo ai casi in cui desiderano richiedere finanziamenti aggiuntivi RRP sotto forma di prestiti previsti dai Piani nazionali di ripresa, sostegno a fondo perduto da nuove entrate o risorse appena trasferite da risorse condivise programmi di gestione e quindi non aggiornamenti al rialzo del contributo finanziario massimo.

Inoltre, il Consiglio ha ribadito che gli Stati membri potranno richiedere il sostegno del prestito fino al 31 agosto 2023.

Nella sua posizione, il Consiglio include anche la possibilità di trasferimenti volontari dalla riserva di adeguamento alla Brexit (BAR), nonché dal Fondo per una transizione giusta (JTF).

LEGGI ANCHE:  Afghanistan, Consiglio dell'UE: "Cooperazione subordinata al rispetto dei diritti umani e della sicurezza".

Per quanto riguarda le possibili deroghe al principio “non nuocere in modo significativo” agli investimenti che migliorano le infrastrutture e gli impianti energetici per soddisfare il fabbisogno immediato di sicurezza dell’approvvigionamento di petrolio e gas, è stato raggiunto un attento equilibrio che mira a limitare l’onere amministrativo aggiuntivo per i membri stati. Il Consiglio, pertanto, ha concordato un obbligo per gli Stati membri a fornire una giustificazione alla Commissione quando desiderano derogare al principio “non arrecare danni significativi”.

Ora che il Consiglio ha definito la sua posizione sulla proposta, inizieranno i triloghi – ovvero le riunioni utilizzato nel processo legislativo dell’Unione europea – con il Parlamento europeo per concordare quanto prima una versione definitiva del testo.

foto Copyright: European Union