Competenze digitali: nel 2023 il 55% dei cittadini Ue possedeva capacità di base.

Nel 2023, il 55% delle persone nell’UE di età compresa tra 16 e 74 anni possedeva almeno competenze digitali generali di base . Si sono riscontrate disparità significative all’interno dell’UE, con tassi che vanno dall’83% nei Paesi Bassi al 28% in Romania.

Il livello di istruzione formale incide sui livelli di competenze digitali degli individui. Il divario nelle competenze digitali di base tra gli individui con un alto livello di istruzione (80%) e quelli con un’istruzione formale assente o scarsa (34%) nell’UE è pari a 46 punti percentuali (pp). I divari maggiori sono stati registrati in Portogallo (66 pp), Grecia (63 pp) e Malta (59 pp). Al contrario, i divari più contenuti sono stati registrati in Estonia (12 pp), Finlandia (14 pp) e Lituania (22 pp).

LEGGI ANCHE:  UE, Alto Rappresentante: "Le missioni diplomatiche in Ucraina restano aperte".

Competenze digitali inferiori sono state registrate nelle fasce di età più anziane sia tra gli uomini che tra le donne. Ad esempio, nella fascia di età 65-74 anni, la percentuale di uomini con almeno competenze digitali di base è più che dimezzata rispetto a quella di età 25-34 anni (69% rispetto al 34%). Il contrasto tra le donne di diverse fasce d’età era ancora più pronunciato: il 71% delle donne di età compresa tra 25 e 34 anni possedeva almeno competenze digitali di base rispetto a solo il 25% di quelle di età compresa tra 65 e 74 anni.

Nelle fasce di età 16-24, 25-34 e 35-44, più donne avevano almeno competenze digitali di base rispetto ai loro colleghi maschi. Tra le persone di età pari o superiore a 45 anni, la situazione era invertita e le percentuali erano più elevate tra gli uomini, con un divario di genere in aumento nelle fasce di età più anziane.  

LEGGI ANCHE:  Aiuti di Stato, luce verde per i 100 milioni destinati agli operatori dei servizi di ristorazione in Italia.

foto Towfiqu barbhuiya da https://unsplash.com/