Competenze digitali, Da Re: “Incentivi per aumentarne la diffusione”.

Secondo il rapporto annuale della Commissione europea sul Digital Economy Index (DESI) del 28 luglio 2022, relativo all’aggiornamento sui progressi compiuti dagli Stati membri in campo digitale, risulta come solo il 54% delle persone nell’UE possieda competenze digitali di base. A ricordare il dato recentemente è stato l’eurodeputato di Identità e Democrazia, Gianantonio Da Re, intervenuto per chiedere alla Commissione europea di riferire sulle misure mirata a promuovere la diffusione delle competenze digitali all’interno delle aziende UE: “Nel complesso, solo il 55% delle PMI ha presentato un livello di base nel 2021 mentre secondo l’obiettivo della Commissione almeno il 90% delle PMI nell’UE dovrebbe disporre di un livello di competenze digitali di base entro il 2030”.

LEGGI ANCHE:  Giovani e competenze: in 92 Paesi 3 giovani su 4 non hanno capacità professionali.

Per la Commissione Thierry Breton oggi ha ricordato che in collaborazione con gli Stati membri è stata istituita la rete dei poli europei
dell’innovazione digitale (DIH) che sostengono le piccole e medie imprese (PMI) nell’utilizzo delle tecnologie digitali per la loro attività. Inoltre mediante la rete europea forniranno formazioni alle imprese locali e l’accesso a competenze e conoscenze sulle migliori tecnologie digitali. Nei prossimi mesi diventeranno operativi 136 DIH che sono stati finanziati attraverso il programma Europa digitale.

“Per la Commissione è una priorità fondamentale promuovere le competenze digitali dell’attuale forza lavoro e formare ulteriori esperti digitali: oltre la metà delle imprese dell’UE hanno avuto difficoltà a reclutare specialisti in TIC – ha dichiarato il commissario europeo -. Sono stati messi a disposizione finanziamenti significativi a sostegno di questi obiettivi: il dispositivo per la ripresa e la resilienza (oltre 25 miliardi di euro destinati all’istruzione e alle competenze digitali) e il bilancio a lungo termine dell’UE. Ad esempio, il programma Europa digitale sostiene formazioni a breve termine e corsi universitari nel settore digitale (sono stati stanziati 176 milioni di EUR per il periodo 2021-2022). Nel quadro del dialogo strutturato sull’istruzione e le competenze digitali sono in corso discussioni con gli Stati membri dell’UE su come introdurre le nuove tecnologie digitali nell’istruzione e assistere le persone a migliorare le loro competenze digitali”.

LEGGI ANCHE:  Coinvolgere i giovani nella vita politica europea, Da Re: "Nel 2019 attivo solo l'8%".

Nell’ambito del patto per le competenze, istituito dalla Commissione, diversi portatori di interessi, comprese le PMI, hanno creato un partenariato su vasta scala per lo sviluppo di competenze nell’ecosistema digitale al fine di migliorare le competenze e riqualificare la forza lavoro nel settore digitale.

foto foto Copyright European Parliament 2020: Source EP / Laurie Dieffembacq