CIGD, Alessandra Zedda: “Ecco i dati della Cassa integrazione in deroga. Ora tocca all’Inps pagare”

Oggi l’Assessore al Lavoro, Alessandra Zedda è intervenuta durante i lavori della Seconda commissione in merito ai riflessi dell’emergenza Covid-19 sul lavoro:

“Tutte le imprese sarde sono state colpite dalle conseguenze della pandemia e per questo si sono rivolte alla Regione alla ricerca di sostegno finanziario. Noi abbiamo competenza diretta soltanto per la Cassa integrazione in deroga ma non è facile farlo comprendere all’esterno e differenziare le responsabilità che sono invece a capo di altre istituzioni come l’Inps e il ministero”.

Proprio il ‘caso’ della cassa integrazione negli ultimi mesi è stato al centro di un aspro scontro proprio tra l’Assessora Zedda e la Sottosegretaria al MiSE, Alessandra Todde: “Per la Cig in deroga sono arrivate 14486 domande relative a 33049 lavoratori sardi per un importo impegnato che si avvicina ai 55 milioni di euro. Ancora stanno arrivando le ultime domande e dunque si tratta di dati parziali ma indicativi. Ad oggi abbiamo evaso oltre 14 mila pratiche mentre circa 400 erano errate o avevano bisogno di ulteriore istruttoria. Ognuno può parlare dei suoi dati e questi sono i nostri dati, che certifico. Attendiamo come tutti i dati dell’Inps ma il sito è bloccato: all’Inps ora spetta pagare, perché questo è quello che chiedono i lavoratori”.

L’assessore ha poi toccato il tema dei progetti Lavoras, che riguardano tutti i Comuni della Sardegna e ha parlato della necessità di rimodulare il programma “Destinazione lavoro”, dei tirocini (“serve un orientamento del ministero le lavoro”) oltre che della necessità di fornire un aiuto concreto alle 300 agenzie formative della Sardegna “per agevolare la ripresa”. 

LEGGI ANCHE:  CIGD, Sardegna: Invariato il numero di domande inviato all'INPS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.