Cibo sintetico, Coldiretti: “Dl Cdm risposta alle richieste degli italiani”.

Un disegno di legge contro il cibo sintetico all’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri.: “È la risposta – secondo Coldiretti Sardegna – alle richieste di mezzo milione di italiani, dei quali circa 20 mila sardi, che hanno firmato la petizione promossa da Coldiretti insieme a Campagna Amica, World Farmers Markets Coalition, World Farmers Organization, Farm Europe e Filiera Italia, per salvare il Made in Italy a tavola dall’attacco delle multinazionali”.

La petizione ha ricevuto l’adesione anche di diversi Ministri e Sottosegretari, Parlamentari nazionali ed europei, Governatori, diversi autorità politiche sarde: consiglieri regionali, sindaci, oltre a diverse personalità della cultura, dello sport e dello spettacolo, imprenditori.

LEGGI ANCHE:  Siccità, Ettore Prandini: "Dichiarare stato di emergenza".

“Dopo l’autorizzazione per il consumo umano concessa dall’autorità alimentare americana Fda ai filetti di “pollo” creati in laboratorio dalla Upside Foods e a quelli della GOOD Meat, il rischio è una diffusione anche nell’Unione Europea dove già quest’anno – denuncia la Coldiretti – potrebbero essere introdotte le prime richieste di autorizzazione all’immissione in commercio che coinvolgono Efsa e Commissione Ue”.

Dopo la carne la sperimentazione si è estesa al pesce ed al latte mettendo a rischio la naturalità degli alimenti più presenti nella dieta.

“Un traguardo importante a favore dell’agricoltura italiana e dei cittadini – sottolinea il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu -. Ringraziamo il Governo per aver accolto il nostro appello supportato da migliaia di cittadini che hanno sostenuto la petizione a fermare una pericolosa deriva che mette a rischio il futuro della cultura alimentare nazionale, delle campagne e dei pascoli e dell’intera filiera del cibo Made in Italy”.

LEGGI ANCHE:  Coldiretti: "Regolamento imballaggi aumenta inquinamento".

“Le bugie sul cibo in provetta confermano che c’è una precisa strategia delle multinazionali che con abili operazioni di marketing puntano a modificare stili alimentari naturali fondati sulla qualità e la tradizione afferma il presidente nazionale della Coldiretti Ettore Prandini -. La verità è che non si tratta di carne ma di un prodotto sintetico e ingegnerizzato, che non salva l’ambiente perché consuma più acqua ed energia di molti allevamenti tradizionali e non aiuta la salute perché non c’è garanzia che i prodotti chimici usati siano sicuri per il consumo alimentare e, inoltre, non è accessibile a tutti poiché è nelle mani di grandi multinazionali”.

foto niekverlaan da Pixabay

LEGGI ANCHE:  Sempre più vecchia la forza lavoro italiana.