Canapa industriale, Rosa D’Amato: “Sfruttare il potenziale della pianta della canapa”.

Qual è la posizione della Commissione europea in merito al Manifesto della canapa e quali politiche intende adottare a livello europeo sulla canapa industriale? Domande che l’esponente del gruppo dei Non Iscritti, Rosa D’Amato ha indirizzato all’attenzione dell’Esecutivo europeo.

“La canapa in base alla sua lavorazione e all’impiego che se ne vuole fare può essere utilizzata in molteplici settori: da quello alimentare a quello tessile. Ci sono molte varietà di piante la cui differenza sta nel grado di THC, sostanza chimica responsabile degli effetti sul sistema nervoso dell’essere umano. La più coltivata è la canapa sativa, proprio perché nella sua resina la percentuale di THC è quasi assente. Per questo motivo è la più utilizzata nel settore industriale”.

LEGGI ANCHE:  Ucraina: 175 milioni per l'accoglienza invernale.

“L’Associazione europea della canapa industriale (EIHA) – ha proseguito D’Amato – rappresentante del settore europeo degli operatori del settore, ha recentemente espresso il suo punto di vista sul futuro dell’Europa presentando il Manifesto della canapa. Questo documento vuole suggerire un approccio per permettere di sfruttare il potenziale della pianta della canapa, in tutte le sue componenti, al fine di accelerare la transizione verso una bioeconomia sostenibile e a “zero emissioni”. Oltre i preconcetti, la canapa può diventare un alleato di una ripresa economica verde“.

Sullo sviluppo del settore nell’area euro è intervenuto il Commissario Janusz Wojciechowski ricordando che “la Commissione accoglie con favore tutte le iniziative volte a rafforzare ulteriormente il potenziale delle zone rurali e a migliorare i sistemi di coltura nell’UE. Il Manifesto della canapa affronta numerosi aspetti e contribuirà certamente a sensibilizzare i cittadini sui benefici complessivi di tale coltura”.

LEGGI ANCHE:  Competenze digitali, Da Re: "Incentivi per aumentarne la diffusione".

“La Commissione segue da vicino la situazione del mercato della canapa sul mercato interno e su quello globale ed è in corso un dialogo regolare con i portatori di interessi del settore nel contesto delle riunioni del gruppo di dialogo civile per le fibre. La canapa industriale può attualmente beneficiare, a determinate condizioni, dei pagamenti diretti per superficie disaccoppiati e del sostegno accoppiato facoltativo negli Stati membri che si avvalgono di tale possibilità”, ha proseguito il membro della Commissione europea.

Canapa industriale, foto Niksy da Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.