Bilancio UE 2023, la proposta della Commissione: 185,6 miliardi di euro.

La Commissione europea ha proposto ieri una nuova dotazione per il bilancio annuale dell’UE 2023: circa 185,6 miliardi di euro, integrato da sovvenzioni per l’importo stimato di 113,9 miliardi nel quadro di NextGenerationEU. Nella visione dell’Esecutivo von der Leyen, è confermata la priorità per gli investimenti green, digitali e per contrastare le attuali crisi geopolitiche e alimentari.

“Continuiamo a sostenere la ripresa dell’Europa per affrontare le sfide attuali e future – ha dichiarato il Commissario europeo per il Bilancio, Johannes Hahn-. Il bilancio rimane uno strumento importante a disposizione dell’Unione per fornire un evidente valore aggiunto alla vita delle persone”.

Ulteriori proposte per finanziare l’impatto della guerra in Ucraina, sia all’esterno che all’interno, saranno presentate più avanti nel corso dell’anno, sulla base di una valutazione più precisa delle esigenze e nel rispetto delle conclusioni del Consiglio europeo del 31 maggio 2022, fanno sapere dalla Commissione.

In termini di impegni si prevede di stanziare nel corso dell’anno circa 103,5 miliardi di euro di sovvenzioni da NextGenerationEU nell’ambito del Recovery and Resilience Facility (RRF) per sostenere la ripresa economica e la crescita dopo la pandemia di coronavirus e per affrontare le sfide poste dalla guerra in Ucraina.

Ancora, 53,6 miliardi di euro per la politica agricola comune e 1,1 miliardi di euro per il Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l’acquacoltura, per gli agricoltori e i pescatori europei, ma anche per rafforzare la resilienza dei settori agroalimentare e della pesca e per fornire lo spazio necessario alla crisi gestione alla luce della prevista carenza di approvvigionamento alimentare globale.

LEGGI ANCHE:  NextGenerationEU: la Commissione europea emetterà 50 miliardi di euro di obbligazioni a lungo termine entro giugno 2022.

Altri 46,1 miliardi di euro dovrebbero essere destinati per lo sviluppo regionale e la coesione a sostegno della coesione economica, sociale e territoriale, nonché per le infrastrutture a sostegno della transizione verde e dei progetti prioritari dell’Unione.

14,3 miliardi di euro, inoltre, sono previsti per sostenere i partner UE nel mondo: 12 miliardi di euro nell’ambito dello strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale — Europa globale (NDICI — Europa globale) e 2,5 miliardi di euro per lo strumento di assistenza preadesione (IPA III ) e 1,6 miliardi di euro per gli aiuti umanitari (HUMA).

13,6 miliardi di euro, ancora, per la ricerca e l’innovazione , di cui 12,3 miliardi di euro per Orizzonte Europa, il programma di ricerca faro dell’Unione. Riceverebbe 1,8 miliardi di euro in più in sovvenzioni da NextGenerationEU.

Si proseguo con 4,8 miliardi di euro per investimenti strategici europei , di cui 341 milioni di euro per InvestEU per le priorità chiave (ricerca e innovazione, doppia transizione verde e digitale, settore sanitario e tecnologie strategiche), 2,9 miliardi di euro per il meccanismo per collegare l’Europa per migliorare le infrastrutture di frontiera e 1,3 miliardi di euro per il programma Europa digitale per plasmare il futuro digitale dell’Unione. InvestEU riceverà ulteriori 2,5 miliardi di euro in sovvenzioni da NextGenerationEU.

LEGGI ANCHE:  Fact-checking day: combattere il virus della disinformazione sul Covid-19

4,8 miliardi di euro per le persone, la coesione sociale e i valori, di cui 3,5 miliardi di euro Erasmus+ per creare opportunità di istruzione e mobilità per le persone, 325 milioni di euro per sostenere artisti e creatori in tutta Europa e 212 milioni di euro per promuovere giustizia, diritti e valori .

2,3 miliardi di euro per l’ambiente e l’azione per il clima , di cui 728 milioni di euro per il programma LIFE a sostegno della mitigazione e dell’adattamento ai cambiamenti climatici e 1,5 miliardi di euro per il Fondo per una transizione giusta per garantire che la transizione verde funzioni per tutti. Il Just Transition Fund riceverà ulteriori 5,4 miliardi di euro in sovvenzioni da NextGenerationEU.

2,2 miliardi di euro per la spesa dedicata allo spazio , principalmente per il Programma spaziale europeo, che unirà l’azione dell’Unione in questo campo strategico.

2,1 miliardi di euro per la protezione dei nostri confini , di cui 1,1 miliardi di euro per il Fondo per la gestione integrata delle frontiere (IBMF) e 839 milioni di euro (contributo totale dell’UE) per l’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex).

LEGGI ANCHE:  Brexit, De Maio: "Grave ferita per i giovani dell'Unione Europea"

1,6 miliardi di euro per la spesa relativa alla migrazione , di cui 1,4 miliardi di euro a sostegno di migranti e richiedenti asilo in linea con i nostri valori e priorità.

1,2 miliardi di euro per affrontare le sfide della difesa , di cui 626 milioni di euro per sostenere lo sviluppo delle capacità e la ricerca nell’ambito del Fondo europeo per la difesa (FES), nonché 237 milioni di euro per sostenere la mobilità militare.

927 milioni di euro per garantire il buon funzionamento del mercato unico, di cui 593 milioni di euro per il programma per il mercato unico e quasi 200 milioni di euro per lavori in materia di antifrode, fiscalità e dogane.

732 milioni di euro per EU4Health per garantire una risposta sanitaria globale ai bisogni delle persone , nonché 147 milioni di euro per il meccanismo unionale di protezione civile (rescEU) per poter fornire rapidamente assistenza operativa in caso di crisi.

689 milioni di euro per la sicurezza , di cui 310 milioni di euro per il Fondo Sicurezza interna (ISF), che combatterà il terrorismo, la radicalizzazione, la criminalità organizzata e la criminalità informatica.

Infine, 138 milioni di euro per connessioni satellitari sicure nell’ambito della proposta di un nuovo programma dell’Unione, il programma Union Secure Connectivity.