Bielorussia, OSCE: “Il Ministero dell’Informazione blocca il portale Tut.by”.

La Rappresentante OSCE per la libertà dei media, Teresa Ribeiro, ha espresso oggi le sue preoccupazioni in merito agli sviluppi intorno al canale mediatico online bielorusso, Tut.by. Le autorità bielorusse, oggi, hanno infatti bloccato il sito web facendo irruzione nella sua redazione, nelle sue filiali e nelle case di molti membri del suo staff.

Secondo quanto riferito, i rappresentanti del Dipartimento per le indagini finanziarie hanno iniziato questa mattina i raid e hanno sequestrato attrezzature e documenti. Sono state perquisite anche le case della direttrice, Marina Zolotova, del vicedirettrice, Maxim Gaiko e della giornalista Elena Tolkacheva.

Inoltre, su richiesta dell’Ufficio del Procuratore Generale, il Ministero dell’Informazione ha bloccato il sito web di Tut.by, per presunte violazioni della legislazione sui media.

LEGGI ANCHE:  Bielorussia: il Parlamento europeo chiede più sanzioni dopo il dirottamento Ryanair.

“Gli sviluppi odierni intorno a Tut.by, uno dei più importanti portali mediatici indipendenti in Bielorussia, e ai suoi giornalisti sottolineano ancora una volta la situazione estremamente allarmante per quanto riguarda la libertà dei media, l’accesso alle informazioni e la sicurezza dei giornalisti nel Paese”, ha detto Ribeiro. “Bloccare l’intero sito web, significa interferire in modo sproporzionato con le attività degli operatori dell’informazione”.

foto tut.by