Bielorussia: l’UE adotta un nuovo ciclo di sanzioni.

Il Consiglio europeo ha imposto nuove sanzioni contro altre 38 persone e 3 entità bielorusse, estendendo, inoltre, i divieti di esportazione alle armi da fuoco, all’aviazione e all’industria spaziale.

“Abbiamo adottato nuove sanzioni come reazione al regime illegittimo di Lukashenko e alle diffuse e gravi violazioni dei diritti umani. Nuove misure – ha dichiarato l’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell -, contro il regime bielorusso, complice della guerra di aggressione all’Ucraina”.

I nuovi elenchi includono funzionari penitenziari responsabili della tortura e del maltrattamento di detenuti, inclusi prigionieri politici, nonché membri del ramo giudiziario coinvolti nel perseguire e condannare oppositori democratici, membri della società civile e giornalisti.

Le sanzioni colpiscono anche le imprese statali che hanno adottato misure contro i dipendenti o li hanno licenziati per aver partecipato a proteste pacifiche e scioperi. Anche Belneftekhim, un conglomerato petrolifero e chimico controllato dallo stato, è elencato come una delle società strategiche che sostiene il regime di Lukashenko.

LEGGI ANCHE:  Mercato e concorrenza: sanzionate 9 società per un totale di 5 milioni di euro.

Complessivamente, le misure restrittive dell’UE nei confronti della Bielorussia si applicano ora a un totale di 233 persone e 37 entità e le persone designate sono soggette al congelamento dei beni e ai cittadini e alle imprese dell’UE è vietato mettere a loro disposizione fondi. Le persone fisiche sono inoltre soggette a un divieto di viaggio, che impedisce loro di entrare o transitare nei territori dell’UE.

Le sanzioni autonome dell’UE nei confronti della Bielorussia sono in vigore dal 2004. Dall’agosto 2020, in risposta alle ultime elezioni presidenziali, l’UE ha imposto cicli successivi di sanzioni contro i responsabili della repressione interna e violazioni dei diritti umani in Bielorussia, che compromettono la democrazia e lo stato di diritto, nonché contro altre persone associate al regime di Lukashenko. 

LEGGI ANCHE:  Consiglio d'Europa: l’Irlanda assume la Presidenza del Comitato dei Ministri. Simon Coveney: "Sostegno alla democrazia partecipativa dei giovani". A quando il rispetto del multilinguismo per i giovani europei?

foto Kremlin.ru / Sergey Guneev