Artigianato in Sardegna, Piero Comandini: “Assicurare apposite misure di indennizzo”.

Bisogna assicurare apposite misure di indennizzo per le imprese artigiane della Sardegna. Questa la richiesta del Partito Democratico in Consiglio regionale che, attraverso un’interpellanza che vede primo firmatario Piero Comandini, ha chiesto all’assessore del Turismo, Gianni Chessa, di riferire sulle strategie in atto per supportare le ripresa delle aziende del settore.

“Le imprese dell’artigianato artistico, stanno affrontando una gravissima crisi dovuta alle restrizioni da Covid – si legge nella nota del gruppo dem – e la pandemia ha drammaticamente determinato la scomparsa del mercato turistico e degli appuntamenti delle Fiere nazionali e internazionali”. Criticità alle quali si aggiunge la chiusura di molti punti vendita compresi gli showroom regionali negli aeroporti.

LEGGI ANCHE:  Consiglio regionale. Seduta congiunta Lavoro e Bilancio

“Tutto questo non solo mette a rischio i posti di lavoro, sia diretti che indiretti, ma l’intera filiera del settore che in Sardegna conta circa 6800 imprese con circa 14000 addetti”.

La vetrina dell’artigianato artistico della Sardegna – spiega Piero Comandini – è ferma al 2017, anno in cui l’assessorato al turismo ha pubblicato la manifestazione di interesse per far parte della Vetrina virtuale dell’Artigianato Artistico della Sardegna e per l’aggiornamento dei profili degli artigiani già presenti nella vetrina. In un momento come quello che stiamo vivendo – prosegue – è assolutamente necessario consentire alle imprese artigiane regolari, e con i requisiti idonei, di essere inserite in qualunque momento nella vetrina dell’artigianato artistico e non soltanto in occasione di avvisi di manifestazioni di interesse. Tanti nuovi artigiani, infatti, chiedono di poter far parte di questa vetrina e tanti altri vorrebbero aggiornare i propri profili”.

LEGGI ANCHE:  RiGenerazione Scuola”, presentato il Piano per la transizione ecologica e culturale delle scuole.

“Sarebbe opportuno – conclude l’esponente dem – percorrere tre strade: prevedere apposite misure di indennizzo specificamente dedicate alle imprese dell’artigianato artistico, tipico e tradizionale; svincolare dalla pubblicazione di un apposito avviso l’accesso alla vetrina virtuale dell’artigianato artistico della Sardegna, alle imprese dell’artigianato artistico in possesso dei requisiti richiesti per l’iscrizione all’albo delle imprese artigiane delle Camere di Commercio e, infine, costituire l’Albo specifico delle imprese dell’artigianato artistico, tipico e tradizionale, così da distinguerle da tutte le altre imprese artigiane”.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata