ArtAngo & Jazz festival. Lunedì al via l’XI edizione.

Cinque appuntamenti per riscoprire l’affascinante mondo del tango e dello strumento che da sempre lo accompagna, il bandoneon. Questa, in sintesi, l’unidicesima edizione dell’ArtAngo & Jazz festival, organizzata nel Sulcis Iglesiente dall’associazione Anton Stadler, dietro la direzione artistica del bandoneonista e compositore Fabio Furìa.

Dal 17 al 29 agosto tra la Tonnara “Su Pranu” di Portoscuso, il Nuraghe Seruci di Gonnesa, lo storico Teatro Electra e il suggestivo Chiostro di San Francesco di Iglesias saranno in programma cinque concerti che vedranno protagonisti musicisti di primissimo piano. A impreziosire la già magica atmosfera sarà poi la VI edizione della Masterclass internazionale di bandoneon, dal 26 al 28 agosto. 

LEGGI ANCHE:  I maestri del bandoneon per l'ultimo appuntamento di ArtAngo & jazz festival.

Il primo appuntamento, lunedì 17 agosto, è alle 22 nella tonnara di Portoscuso: protagonista sarà il trio composto dallo stesso Furìa insieme al chitarrista Alessandro Deiana e al contrabbassista Giovanni Chiaramonte che proporranno “El dìa que me quieras”, concerto che esplora il tango in tutte le sue sfumature, raccontandolo attraverso un repertorio che ne ripercorre la storia dagli anni ’20 agli anni ’50.

Il 20 agosto alle 21,30 il festival si sposterà al Nuraghe Seruci di Gonnesa per lo spettacolo “Next tango” dell’Anna Tifu tango quartet, ensemble composto oltre che dalla violinista sarda anche da Fabio Furìa, Giovanni Chiaramonte e dal pianista Romeo Scaccia. Un concerto già sold out, in cui passato, presente e futuro sono condensati in un unico e insolito viaggio nella storia del tango: fusione e contaminazione, tradizione ed innovazione, ma anche equilibrio, tecnica, immaginazione ed improvvisazione per un’interessante sintesi tra il mondo sonoro del Jazz e quello del Tango Nuevo.

LEGGI ANCHE:  Classicalparco: Donato Sivo dirige il complesso corale.

Il 25 agosto alle 22 si ritorna a Portoscuso per “Duo noir” concerto dell’arpista Floraleda Sacchi, considerata tra le maggiori artiste del panorama internazionale, e il sassofonista Damiano Grandesso. Sarà una serata dedicata alle più belle colonne sonore e sigle di serie TV, arrangiate in una rivisitazione del tutto inedita.

La chiusura del sipario, il 29 agosto, è affidata ai bandoneonisti Daniel Binelli, Yvonne Hann, Santiago Cimadevilla e Fabio Furìa che mostreranno al pubblico le innumerevoli potenzialità del bandoneon, strumento da sempre accostato al tango, ma che ben si presta anche al repertorio contemporaneo e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.