Aou Sassari: “In aumento la sopravvivenza dei pazienti oncologici”.

Studio e utilizzo di nuovi farmaci e nuovi trattamenti antitumorali che aumentano la sopravvivenza dei pazienti oncologici e che stimolano il sistema immunitario. È quanto sta portando avanti la struttura complessa di Oncologia medica dell’Aou di Sassari.

Tra i trattamenti antitumorali apripista dall’Aou Sassari segnalano quello per il melanoma metastatico: “Si tratta di un tumore che dieci anni fa era considerato privo di cure. L’aspettativa di vita media per un melanoma metastatico era di soli 9 mesi dalla diagnosi. Oggi lo scenario si è completamente ribaltato e il melanoma può essere trasformato in una malattia cronica”.

Il melanoma è diventata, ricordano dall’Oncologia medica, la seconda neoplasia più diffusa tra gli uomini intorno ai 50 anni e la terza tra le donne nella stessa fascia d’età. In Sardegna, in particolare, sono annualmente riscontrate più di 250 nuove diagnosi di melanoma e il Centro sassarese rileva circa 130 nuovi casi all’anno.

LEGGI ANCHE:  ‘La Musica Unisce la Scuola’, dal 24 al 29 maggio al via la XXXII rassegna nazionale.

Secondo i dati a disposizione della struttura di Oncologia medica, oltre il 50% dei pazienti è vivo a 5 anni dalla diagnosi con la combinazione di due farmaci l’Ipilimumab e il Nivolumab: “Alcuni pazienti dopo solo 4 somministrazioni di Ipilimumab, sono liberi dalla malattia da oltre 10 anni”.

La struttura, poi, è particolarmente attiva nei trattamenti dei pazienti con tumore polmonare metastatico. La fascia d’età più colpita è quella compresa tra i 65 e i 70 anni, mentre resta rara sotto i 40 anni. L’Oncologia sassarese registra 200 prime diagnosi all’anno e ne prende incarico annualmente circa 150. “Questa patologia presenta caratteristiche biologiche che risentono favorevolmente di terapie a bersaglio molecolare – si legge nella nota dell’Aou Sassari – o di combinazione immunochemioterapica. La loro sopravvivenza mediana si aggira complessivamente intorno ai 36 mesi, rispetto alla media antecedente che non superava i 14 mesi. Abbiamo una quota di lungo sopravviventi che sono ancora in terapia dopo 7-8 anni dalla diagnosi di malattia metastatica”.

LEGGI ANCHE:  La risposta dell'Aou Sassari: "Tv nei reparti per umanizzare l’assistenza".