Antitrust: sanzione di oltre 1,5 milioni a Facile Energy.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato una sanzione di 1 milione e 560 mila euro a Facile Energy S.r.l. per inottemperanza.  La società infatti non ha dato seguito alla diffida dell’Antitrust che le imponeva la cessazione della pratica scorretta accertata a dicembre 2022.

In particolare, il procedimento riguardava l’adozione di varie pratiche scorrette, finalizzate all’attivazione non richiesta di contratti di energia elettrica e gas, e anche il mancato rispetto degli obblighi previsti, in tali circostanze, di garantire ai consumatori sia il ritorno ai precedenti punti di fornitura sia il diritto a non pagare gli eventuali importi fatturati.

Da accertamenti dell’Autorità è risultato che questa condotta non è cessata e che quindi Facile Energy è inottemperante al provvedimento sanzionatorio. L’Antitrust infatti ha continuato a ricevere molte segnalazioni di consumatori, circa 400, in cui si riferiscono le attivazioni di contratti di fornitura di energia elettrica e gas, prevalentemente mediante teleselling, in assenza di effettiva manifestazione di volontà dei consumatori e attraverso l’utilizzo di registrazioni telefoniche manipolate e di informazioni ingannevoli e/o omissive. Ancora, richieste di pagamenti non dovuti, anche in pendenza di reclami e minacce di disalimentazione del punto di prelievo in pendenza di reclami o senza congruo preavviso.

LEGGI ANCHE:  Secondo vertice sull'istruzione e l'innovazione: coltivare i giovani talenti europei.