Annessione illegale della Crimea e Sebastopoli: l’UE rinnova le sanzioni di un anno

Ieri il Consiglio dell’Unione Europea ha deciso di rinnovare le sanzioni introdotte in risposta all’annessione illegale della Crimea e Sebastopoli da parte della Federazione russa fino al 23 giugno 2021.

Le misure restrittive attualmente in vigore, comprendono i divieti riguardanti le importazioni di prodotti originari della Crimea o di Sebastopoli nell’UE e gli investimenti infrastrutturali o finanziari e i servizi turistici in Crimea o Sebastopoli. Tra le altre attività rientranti nel novero delle restrizioni anche le esportazioni di determinati beni e tecnologie verso le società della Crimea nei settori dei trasporti, delle telecomunicazioni e dell’energia, per l’esplorazione e la produzione di petrolio, gas e risorse minerarie.

Come affermato nella dichiarazione dell’alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell, lo scorso 16 marzo 2020, l’UE continua a non riconoscere l’annessione illegale della Crimea e di Sebastopoli da parte della Federazione russa e continua a condannare la violazione della legge internazionale.

LEGGI ANCHE:  Un anno di guerra in Ucraina: la dichiarazione del Consiglio europeo.

Foto Copyright European Union.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.