Agricoltura senza erbici: ecco la sfida di WeLaser.

Dopo 3 anni di lavoro, la partnership internazionale del progetto WeLaser, ha realizzato uno strumento di diserbo di precisione, dimostrando che l’agricoltura senza erbicidi è già possibile.

WeLaser, ricordano i promotori, ha completato la prima fase dello sviluppo di un prototipo di diserbante di precisione che “consente di avanzare nell’eliminazione dell’uso degli erbicidi, migliorando la produttività e la competitività delle colture ed eliminando in tal modo i rischi per la salute e gli effetti negativi ambientali associati all’uso di sostanze chimiche”.

Il prototipo, nel dettaglio, comprende un veicolo autonomo che circola nelle colture ed è dotato di un sistema di rilevamento avanzato basato sull’intelligenza artificiale (IA) che, mediante l’acquisizione di immagini e l’elaborazione dei dati, consente di distinguere e localizzare il centro di crescita dell’erba infestante da estirpare. Dopo averla individuata con lo scanner, dirige la sorgente laser in fibra ottica ad alta potenza verso il meristema. I dati vengono gestiti mediante un’architettura di cloud computing e il sistema include la tecnologia IoT.

WeLASER
WeLASER

Oltre allo sviluppo del prototipo, questo progetto ha portato allo sviluppo di diverse innovazioni con diverse applicazioni, ad esempio una sorgente laser in fibra ad alta potenza per il controllo di erbe infestanti avventizie effettuato tramite precisi impulsi di energia.

LEGGI ANCHE:  Esenzione dazi per l'Ucraina, Zdechovský: "Problemi per produttori Ue".

Con una popolazione in continua crescita e nel contesto dei cambiamenti climatici che stiamo vivendo, proseguono dal consorzio WeLaser, “la grande sfida dell’umanità consiste nel garantire la produzione alimentare senza danneggiare l’ambiente o la salute della popolazione, con sistemi di produzione sempre più efficienti e meno inquinanti. Solo in Europa, ogni anno vengono utilizzati circa 130 milioni di tonnellate di erbicidi sintetici (senza contare altre sostanze chimiche) che non distinguono tra piante utili e insetti del terreno che non ne sono l’obiettivo e che, inoltre, possono avere effetti nocivi sulla salute degli animali e degli esseri umani. Inoltre, le erbe infestanti stanno sviluppando resistenza, pertanto gli erbicidi presenti sul mercato stanno diventando sempre meno efficaci.

LEGGI ANCHE:  Azioni Marie Skłodowska-Curie: 405 milioni di euro per i dottorati di ricerca.