Saras: la famiglia Moratti trova l’accordo per la vendita del 35% alla Vitol.

I membri della famiglia Moratti hanno stipulato l’accordo per la vendita del 35% della Saras a Vitol, leader nel settore energetico, come dimostra il dato sulla capacità di produzione del colosso olandese, pari a 7,4 milioni di barili al giorno di petrolio greggio, e sui ricavi ottenuti nel corso del 2022: 505 miliardi di dollari.

Il 35% del capitale sociale di Saras, si legge nella nota dell’azienda, sarà ceduto ad un prezzo per azione pari a € 1,75/azione.

Il perfezionamento dell’Operazione sarà soggetto ora all’ottenimento delle necessarie autorizzazioni regolamentari, quali quelle previste ai sensi del regolamento UE sui sussidi esteri, del regolamento antitrust dell’UE e del Golden Power.

LEGGI ANCHE:  Centro dialisi di Dorgali, Roberto Deriu: "Situazione pericolosa".

Con il closing, quindi, verrà ceduta l’intera partecipazione posseduta dalla famiglia Moratti in Saras alla Vitol.

Si va, quindi, verso la cessione di una delle più grandi raffinerie nel Mediterraneo e con un impianto di generazione di energia con una capacità installata di 575 MW e che fornisce oltre il 40% dell’energia elettrica della Sardegna.

“Dopo 62 anni dalla sua fondazione avvenuta ad opera di mio padre, con i miei nipoti Angelo e Gabriele ed i miei figli Angelomario e Giovanni, ho ritenuto che la miglior garanzia per il futuro successo della raffineria di Sarroch fosse l’aggregazione con un primario operatore industriale del settore energetico globale, quale è Vitol, dotato di risorse relazionali, finanziarie e manageriali necessarie per competere nell’attuale contesto di mercato internazionale – ha dichiarato Massimo Moratti, Presidente e Amministratore Delegato di Sara -. Ritengo che, questa Operazione sarà positiva per tutti gli azionisti, per le maestranze, per i clienti e tutti gli altri stakeholders, che ringrazio per la fiducia che ci hanno sempre accordato. Oggi Saras è una società solida e profittevole, leader nell’intero bacino del Mediterraneo, e auguriamo a Vitol di poter espandere i successi fino ad ora conseguiti”.

LEGGI ANCHE:  Popolazione italiana: meno residenti, più anziani e famiglie più piccole.

“La nostra ambizione – ha aggiunto Russell Hardy, amministratore delegato di Vitol – è quella di investire in una forte società italiana nel settore dell’energia, gestita da un management locale autonomo e supportata dall’esperienza e dall’accesso al mercato di Vitol. Apprezziamo l’importanza di Saras in Sardegna, e nel Paese più in generale, e ci impegniamo a portare avanti l’eredità della famiglia Moratti di gestione diligente, operazioni sicure e supporto alla comunità locale e ai dipendenti. Le attività di Saras – prosegue – sono ben complementari al core business di Vitol e questa operazione rafforzerà la sicurezza energetica europea e migliorerà l’approvvigionamento di un impianto chiave nel settore energetico europeo”.

LEGGI ANCHE:  Cellule umane ‘hackerano’ il codice genetico del Sars-CoV-2

foto https://www.saras.it