Sanità, Nursing Up: “36% degli infermieri italiani desidera lasciare il proprio luogo di lavoro”.

Secondo lo studio “RN4CAST” (Registered Nurse forecasting in Europe), 1 infermiere/a italiano/a su 3 desidera lasciare il proprio posto di lavoro e di questi il 33% medita di lasciare addirittura la professione. Dati incontrovertibili circa la condizione di disagio vissuta dagli infermieri italiani che, tra retribuzioni ferme al palo e crescenti aggressioni nelle corsie, potrebbe portare a una vera e propria desertificazione professionale all’interno del sistema sanitario italiano.

A ribadire le preoccupazioni della categoria il presidente nazionale di Nursing Up, Antonio De Palma: “In Italia il 36% degli infermieri dichiara di voler lasciare il luogo di lavoro entro 12 mesi; di questi il 33% dichiara di voler lasciare addirittura la professione, dato che corrisponde a circa l’11% del campione generale. Sono dati che riguardano una tendenza confermata anche da studi successivi effettuati in altri Paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti. “Siamo al 33% – prosegue – un dato pauroso, preoccupante, che deve far tremare, soprattutto se si pensa che in Italia già mancano 85000 infermieri”.

LEGGI ANCHE:  "Una limba in caminu", il corso di lingua sarda a Nùoro.