Resto al Sud: usava i contributi per spese personali. Denunciata titolare pizzeria.

La Compagnia della Guardia di Finanza di Alghero, al termine dell’attività ispettiva per il contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica, ha individuato, nel comune di Porto Torres, una pizzeria beneficiaria di 60.000 euro di contributi e finanziamenti pubblici, rientranti nella misura a favore dei giovani nel Mezzogiorno denominata “Resto al Sud”.

I contributi pubblici, erogati dal Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sarebbero dovuti servire per spese di ristrutturazione e acquisto di attrezzature, macchinari necessari per l’attività d’impresa.

Dall’esame della documentazione contabile acquisita dalle Fiamme Gialle in sede di controllo e dall’analisi dei conti correnti dell’impresa, però, è emerso che parte dei finanziamenti pubblici erogati erano stati utilizzati per finalità diverse da quelle previste. Tramite prelievi in contanti e pagamenti bancomat, infatti, una rilevante quantità di denaro è stata destinata a spese personali, estranee all’attività d’impresa.

LEGGI ANCHE:  Occupazione giovanile e gioventù. Il Governo Meloni non va oltre gli sgravi fiscali.

Al termine dell’indagine, la titolare della pizzeria è stata segnalata alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari, per il reato di malversazione di erogazione pubbliche, per un importo di circa 17.000 euro.