Promo Autunno, cancellata l’edizione 2021, Rotunno: “Scelta inevitabile”.

Dopo aver cancellato l’edizione 2020 a causa dell’emergenza sanitaria, gli organizzatori di Promo Autunno hanno confermato la cancellazione della fiera regionale 2021.

Gli ampi locali della Promocamera, a Predda Niedda, sono stati, infatti, adibiti a centro vaccinale a tempo indefinito fino alla cessazione dell’emergenza e, al di là della compatibilità dell’evento con le norme anti assembramento tuttora in vigore, nel nord dell’isola non esistono altre strutture idonee ad accogliere una manifestazione di questa portata, con le rappresentatività di oltre centocinquanta aziende e decine di migliaia di visitatori quotidiani per tre giorni consecutivi.

Una scelta inevitabile per il patron della manifestazione Claudio Rotunno: “Siamo abituati alle sfide e il nostro motto è sempre stato quello di guardare avanti, di essere portatori sani di positività e ottimismo. Se i locali di Promocamera rappresentano un luogo di speranza per il ripristino della salute pubblica e il ritorno alla normalità, confidiamo che proprio da qui si dovrà ripartire per restituire slancio anche all’economia di un territorio in forte sofferenza, un territorio nel quale però non mancano le eccellenze e che avrà ancor più bisogno di noi per dare una nuova scossa al sistema produttivo e commerciale. Se la pandemia ci ha tolto tanto noi rilanciamo pensando in grande stile per il 2022, nello stesso modo che ci ha sempre contraddistinto”.

LEGGI ANCHE:  Sassari, stop al consumo di alcolici nelle aree pubbliche. Sempre meno spazi (si spera) per i 'filosofi della birretta d'asporto'.

Amarezza espressa anche dal primo cittadino di Sassari Nanni Campus: “Purtroppo la cancellazione di questo importantissimo evento è l’emblema dell’attuale situazione di un comparto che più di altri sta soffrendo la grave crisi economica legata alla pandemia. Guardare al futuro con fiducia, sia per la salute della collettività sia per la ripresa economica, oggi è necessario più che mai. E a questo puntiamo, augurandoci di poter nel 2022 tagliare ancora una volta insieme il nastro”.

Un messaggio di speranza, però, è stato espresso dall’assessore regionale al Turismo, Artigianato e Commercio, Gianni Chessa: “Non dobbiamo farci prendere dallo sconforto, la politica sarà vicino a tutti i settori produttivi e ripartiremo da sardi, con grande dignità, dando lustro e valore ai nostri prodotti e al nostro territorio, per un’auspicata rapida ripresa imprenditoriale ed economica”.

LEGGI ANCHE:  Ironman Sardegna, Chessa: "Puntare sui grandi eventi sportivi"