Prodotti agroalimentari: 186 milioni di euro per la loro promozione in Ue.

La Commissione europea ha stanziato oggi 185,9 milioni di euro per finanziare attività di promozione dei prodotti agroalimentari europei sostenibili e di alta qualità in patria e all’estero nel 2024. 

Le campagne promozionali sui prodotti agricoli dell’UE, spiegano dall’Esecutivo von der Leyen, dovrebbero essere progettate per aprire nuove opportunità di mercato agli agricoltori dell’UE e all’industria alimentare dell’UE in generale, nonché per aiutarli a garantire le loro attività esistenti. Oltre ad aumentare la produzione e il consumo sostenibili di prodotti agricoli , la politica di promozione sostiene anche la ripresa sostenibile del settore agroalimentare dell’UE in un contesto economico difficile.

Gli importi disponibili per le campagne selezionate nel 2024 sono suddivisi tra la promozione nel mercato interno dell’UE e nei paesi terzi , rispettivamente con 81,3 milioni di euro e 85,1 milioni di euro. Al di fuori dell’UE, i Paesi e le regioni con un elevato potenziale di crescita sono identificati come principali obiettivi di promozione, a partire dalla Cina, Giappone, Corea del Sud, Singapore e Nord America. Il Regno Unito rimane uno dei principali mercati di esportazione dei prodotti agroalimentari dell’UE, assorbendo oltre il 20% delle esportazioni dell’UE27.

LEGGI ANCHE:  Terremoto: l'UE mobilita nuove risorse per l'emergenza in Siria e Turchia.

La Commissione Europea cofinanzierà fino all’80% dei progetti selezionati presentati da operatori privati ​​e gestirà anche proprie campagne di comunicazione nei Paesi terzi.

Si prevede che le campagne promozionali selezionate nel 2024 includano prodotti provenienti da pratiche agricole sostenibili e che contribuiscono a ridurre la dipendenza da pesticidi e antimicrobici, minimizzare la fertilizzazione e l’inquinamento delle acque, ridurre le emissioni di gas serra, potenziare l’agricoltura biologica e migliorare il benessere degli animali. A questi prodotti agroalimentari prodotti in modo sostenibile saranno destinati specificamente 62 milioni di euro, di cui 42 milioni di euro per i prodotti biologici

Uno dei risultati attesi è quello di aumentare ulteriormente il riconoscimento del logo biologico dell’UE da parte dei consumatori europei e il consumo di prodotti biologici, in linea con il piano d’azione dell’UE per la produzione biologica.

LEGGI ANCHE:  Insularità e aiuti de minimis, Ferragut: "Serve maggiore flessibilità".

Un altro obiettivo preve l’aumento della consapevolezza dei regimi di qualità dell’UE e dei prodotti registrati come denominazione di origine protetta (DOP), indicazione geografica protetta (IGP) e specialità tradizionale garantita (STG). Sono oltre 3.500 le denominazioni di prodotti agroalimentari e bevande attualmente protette, garantendo ai consumatori prodotti genuini e preservando il patrimonio culturale e culinario dell’UE.

Anche la promozione del consumo di frutta e verdura fresca nel contesto di un’alimentazione equilibrata rimane una pietra angolare della politica di promozione dell’UE. L’ultimo esame dell’attuazione del programma ha concluso che frutta e verdura sono state la principale categoria di prodotti a beneficiare del cofinanziamento della politica di promozione dell’UE, con una quota compresa tra il 19% e il 30% del bilancio annuale totale della politica di promozione tra il 2016 e il 2019. Nel programma di lavoro 2024, più di 18 milioni di euro saranno destinati alla promozione della frutta e della verdura fresca. Ciò non impedisce il finanziamento delle campagne per questi prodotti anche dal resto del budget promozionale. Le attività di promozione rivolte ai consumatori nel mercato interno dovrebbero fare riferimento ed essere in linea con le linee guida dietetiche dello o degli Stati membri interessati.

LEGGI ANCHE:  Bielorussia, David Sassoli: "Il Parlamento europeo è vicino al popolo bielorusso". Borrell: "Piano orchestrato dal regime".

Gli inviti a presentare proposte per le prossime campagne 2024 saranno aperti dal 18 gennaio al 14 maggio 2024 e sono gestiti dall’Agenzia esecutiva europea per la ricerca (REA). Potranno presentare domanda di finanziamento e presentare proposte un’ampia gamma di organismi, quali organizzazioni commerciali e di produttori e gruppi agroalimentari responsabili di attività di promozione. I cosiddetti programmi “semplici” possono essere presentati da una o più organizzazioni dello stesso paese dell’UE. I programmi “multi” provengono da almeno due organizzazioni nazionali di almeno due Stati membri o da una o più organizzazioni europee. Una mappa di tutte le campagne attualmente in corso nel mondo è disponibile sul sito web di REA.

foto niekverlaan da Pixabay.com