Oristano premia il fantino Marco Ghiani: “Sono andato via di casa a 16 anni”.

Nel corso di una breve cerimonia questa mattina è stato premiato Marco Ghiani, il fantino oristanese vincitore in Inghilterra dell’Apprentice Jockeys Championship delle corse in piano che ha chiuso la classifica con 51 successi.

22enne, originario di Silì, Ghiani ha mossi i primi passi a Oristano ed è stato anche Componidoreddu alla Sartigliedda. Oggi è uno dei fantini più famosi del mondo, campione indiscusso degli ippodromi britannici, premiato nei giorni scorsi ad Ascot. Finora soltanto un altro italiano, Frankie Dettori, era riuscito a vincere il campionato nel lontano 1989.

Nella Sala Consiliare del Comune di Oristano il Sindaco Andrea Lutzu e l’Assessore allo Sport Maria Bonaria Zedda hanno voluto donargli una maschera e la stella della Sartiglia come gesto di riconoscenza per le grandi imprese compiute oltre Manica, nella patria dell’equitazione mondiale.

Consiglio comunale Oristano
Consiglio comunale Oristano

“La città oggi rende omaggio a questo straordinario ragazzo che è partito da Silì ed è arrivato nel tempio del galoppo rendendosi autore di grandi imprese sportive – ha detto il Sindaco Andrea Lutzu -. Il 2021 è un anno d’oro per lo sport oristanese. Per tanti nostri campioni è stato l’anno della consacrazione. La città e l’istituzione comunale, come hanno già fatto nei mesi scorsi con gli olimpionici, oggi vogliono manifestare i sentimenti di orgoglio e gratitudine della comunità oristanese nei confronti di un ragazzo che con grande merito riesce a dare prestigio internazionale alla nostra città”.

LEGGI ANCHE:  La Fipe Confcommercio Sardegna scrive alle istituzioni regionali: "Anno di ristrettezze e angherie".

“Sono andato via di casa a 16 anni e oggi mi riempie di orgoglio essere nella mia città insieme a voi – ha detto Ghiani -. È stato un grande sacrificio trasferirmi in Gran Bretagna, imparare un’altra lingua, osservare con scrupolo allenamenti, orari e diete. Però quando arrivano questi risultati si viene ripagati di tutto. Il cavallo con cui ho vinto, Real world, mi ha aiutato a crescere e a vincere e sono pronto alla prossima sfida a Dubai insieme a lui”.