La dimensione corporea nella didattica a distanza

Venerdì 5 giugno arriva il secondo appuntamento della settimana per ‘Caleidoscopi musicali’, gli incontri che il Conservatorio di Cagliari propone per illustrare le diverse opportunità lavorative derivanti dagli studi in Conservatorio.

Alle 18,30, nella piattaforma digitale Zoom, si parlerà della dimensione corporea nella didattica a distanza. Insieme a esperti di chiara fama nazionale saranno esaminate le attività didattiche che vedono la dimensione corporea e il movimento in relazione alla musica come parametro fondamentale. Il tema sarà affrontato su più livelli, sia in relazione all’esecuzione musicale, che in relazione alla fascia d’età dei piccolissimi, che alla disabilità.

Interverranno per l’occasione Stefania Donda, psicomotricista ad indirizzo musicale, Modello we-out, rivolto alle persone con autismo, Elisa Galli, neuropsicomotricista, Valeria Marsheva, musicoterpista, Marina Maffioli, danzeducatrice, FAR (Formazione, Azione, Ricerca) Sabine Oetterli, formatrice e insegnante, esperta del metodo Jaques-Dalcroze.

LEGGI ANCHE:  Danza e cittadinanza attiva. "Primavera a teatro" apre le porte ai giovani.

Durante l’incontro, inoltre, Maria Lucia Costa, docente di Pianoforte al Conservatorio di Cagliari, presenterà “La coordinazione motoria nella performance pianistica, Taubman Inspired”, laboratorio di coordinazione motoria nella performance pianistica che partirà il 9 giugno e si avvarrà, tra gli altri, dell’intervento di un autorevole esperto come Franco Marcello, allenatore e docente all’Università telematica San Raffaele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.