Il Governo non impugna la legge sull’autismo.

Il Consiglio dei Ministri ha confermato la legittimità della Legge regionale n 14 approvata a luglio in materia di “Disposizioni a favore delle persone con disturbo dello spettro autistico”. La normativa è stata esaminata ieri a Palazzo Chigi insieme ad altre undici leggi regionali.

“Non possiamo che ritenerci soddisfatti – ha dichiarato in una nota il Presidente Christian Solinas – per la decisione del Governo di non impugnare la legge 14. Oggi si stima che circa un bambino su settantasette soffra a causa di disturbi dello spettro autistico, la Regione è vicina alle famiglie e la disposizione di legge licenziata a luglio testimonia la nostra ferma volontà di mettere in campo ogni azione possibile a sostegno di chi, ogni giorno, vive e affronta questa difficile realtà”.

LEGGI ANCHE:  Sanità, Christian Solinas: "Il sistema ha retto nonostante la pandemia". Progressisti: "Presidente troppo impegnato in vicende personali".

Da Roma solo un’osservazione da parte dell’Ufficio legislativo del Ministero dell’Istruzione, relativa al secondo comma dell’articolo 1. “Si tratta di un’integrazione che abbiamo già predisposto e contiamo di portare in aula il prima possibile, che rafforzerà le disposizioni – indicate alla lettera c) – che definiscono l’impegno della Regione sulla predisposizione di azioni in materia di formazione permanente del personale sanitario, socio educativo e scolastico”, conclude il Presidente.

Una decisione, quella del Governo, indubbiamente meritevole di una nota istituzionale (quanto autocelebrativa) alla luce della sfavorevole statistica in termini di leggi impugnate rilevata negli ultimi 3 anni.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata