Gas ed energia elettrica: le ultime disposizioni del Cdm.

Il Consiglio dei ministri ha approvato in maniera definitiva l’ultimo decreto-legge mirato al contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale per il terzo trimestre 2022 e garantire la liquidità delle imprese che effettuano stoccaggio di gas naturale. 

In particolare, per ridurre gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, per il terzo trimestre 2022 il Consiglio dei ministri ha deciso di annullare le aliquote relative agli oneri generali di sistema per le utenze domestiche e non domestiche in bassa tensione, oltre che per le utenze con potenza disponibile superiore a 16,5 kW: ovvero per le piccole utenze come per esempio negozi, piccole e medie imprese, attività artigianali, commerciali o professionali, capannoni e magazzini, o per usi di illuminazione pubblica o di ricariche pubbliche di veicoli elettrici.

LEGGI ANCHE:  Telemedicina in Sardegna: 97 milioni di euro per nuove tecnologie e digitalizzazione.

Sono inoltre assoggettate all’Iva al 5% le somministrazioni di gas metano per usi civili e industriali e sono mantenute al livello del secondo trimestre le aliquote relative agli oneri generali di sistema per il gas naturale.

Per accelerare ulteriormente le operazioni di stoccaggio di gas naturale è concesso a GSE un prestito di 4 miliardi di euro.

Infine al bonus sociale elettrico e gas le bollette in emissione conterranno l’avvertenza del diritto a fruirne per chi è nelle fasce Isee 8mila e 12mila previa la presentazione di richiesta Isee.

foto Governo.it licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT