DPCM 24 ottobre. Stop alle palestre, si allo sport ‘che conta’.

Arriva la mazzata per le associazioni sportive italiane. Con il nuovo DPCM firmato dal Premier Giuseppe Conte (art. 1 comma 9 lettere e,f,g) sono sospese le attività di palestre, piscine, centri benessere, eventi e competizioni sportive degli sport individuali e di squadra, ovviamente ad esclusione delle competizioni, professionistiche e dielttantistiche, riconosciute di interesse nazionale dal CONI, CIP e dalle rispettive federazioni sportive.

E’ sospesa, altresì, per effetto del nuovo DPCM l’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto e tutte le gare, competizioni e attività connesse agli sport di contatto anche se aventi carattere ludico-amatoriale.

Salve, invece, le attività sportive di base e motoria svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi nel rispetto delle ormai note norme di distanziamento e in conformità con le linee guida emanate dall’Ufficio per lo sport e, inoltre, le attività dei centri di riabilitazione e di addestramento del Comparto Difesa, Sicurezza e Soccorso pubblico.

LEGGI ANCHE:  "Una palestra a cielo aperto": sport ed educazione motoria nelle scuole primarie di Oristano.

Resterà, infine, consentito lo svolgimento dell’attività motoria all’aperto presso i parchi pubblici purché nel rispetto della distanza di sicurezza di due metri.

Foto di David Mark da Pixabay