Covid-19. L’analisi economica del Comitato europeo per il rischio sistemico

Il consiglio generale dell’European Systemic Risk Board (Comitato europeo per il rischio sistemico, CERS) agenzia dell’Unione europea, responsabile per la vigilanza macro-prudenziale del sistema finanziario dell’Unione, ha tenuto la sua 37a riunione ordinaria lo scorso 2 aprile.

Nella riunione del 2 aprile 2020, il consiglio generale del CERS si è concentrato sulle conseguenze della pandemia di coronavirus per l’economia e il sistema finanziario dell’UE. A differenza della crisi finanziaria globale del 2008, il comitato ha dichiarato che questo shock è esogeno e universale in tutti i paesi e settori e che le misure di contenimento incidono negativamente sull’attività economica a causa di un calo della domanda interna ed estera, nonché di un calo della produzione, che è in parte dovuto alla rottura delle catene di approvvigionamento. Poiché l’entità e la lunghezza delle misure di contenimento richieste rimangono sconosciute, è probabile che l’incertezza sull’impatto economico persista per qualche tempo.

Il consiglio generale ha sottolineato che gli organi dell’UE, nonché i governi, le banche centrali, le autorità di vigilanza e di risoluzione, hanno intrapreso azioni senza precedenti per mitigare l’impatto negativo sull’economia reale e rassicurare i cittadini e le imprese.

Il CERS ha pubblicato oggi una panoramica di tali misure sul suo sito Web. Il consiglio generale ha inoltre osservato che il sistema finanziario dell’UE è ora più resistente di quanto non fosse prima della crisi finanziaria globale e – nonostante i forti cali dei prezzi delle attività e i picchi di volatilità – continua a funzionare, sebbene sotto pressione.

Ciononostante, più a lungo resteranno vigenti le necessarie misure di contenimento, più è probabile che ulteriori perdite nell’economia reale si tradurranno in crescenti fragilità nel sistema finanziario, compromettendo il funzionamento di quest’ultimo proprio quando il suo ruolo di fornire credito all’economia reale è più vitale.

Il Consiglio Generale ha supportato il lavoro dei suoi istituti membri in questo contesto per incoraggiare la conservazione del capitale degli istituti finanziari limitando le distribuzioni di dividendi, i riacquisti di azioni e la remunerazione variabile, nonché la dichiarazione dell’Autorità bancaria europea e la comunicazione dell’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali. Ciò aumenterà la capacità degli istituti finanziari di assorbire le perdite e fornire servizi cruciali alle famiglie, alle piccole e medie imprese e alle società durante la pandemia di coronavirus.

In tale contesto, il consiglio generale ha sottolineato che una risposta politica tempestiva e coordinata è fondamentale, in particolare per realizzare importanti sinergie tra politiche fiscali, monetarie e normative.

Il consiglio generale del CESR ha infine sottolineato che alcune delle risposte alla pandemia di coronavirus trarrebbero beneficio da una soluzione unificata a livello globale con il rafforzamento della cooperazione interistituzionale, anche all’interno del consiglio di stabilità finanziaria e del comitato di Basilea per la vigilanza bancaria.

Durante la riunione il Consiglio Generale ha nominato Loriana Pelizzon come vicepresidente del comitato scientifico consultivo e Bo Becker come nuovo membro del comitato. Il professor Pelizzon è presidente della SAFE in Diritto e Finanza e direttore del programma del Systemic Risk Lab, entrambi presso il Leibnitz Institute for Financial Research SAFE della Goethe University di Francoforte, ed è membro della ASC da ottobre 2018. Il professor Becker è professore presso il Dipartimento di Finanza della Stockholm School of Economics.

LEGGI ANCHE:  Quali sono i vantaggi del QFP per gli Stati membri?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.