Consumi delle famiglie: i livelli dei prezzi nel 2023 in Ue.

Nel 2023, i livelli dei prezzi per la spesa per i consumi finali delle famiglie differivano ampiamente all’interno dell’UE. I livelli di prezzo più alti, secondo l’Eurostat, sono stati registrati in Danimarca (143% della media UE), Irlanda (142%) e Lussemburgo (135%). Nel frattempo, i livelli più bassi sono stati registrati in Bulgaria e Romania (ciascuna 60%) e Polonia (66%). 

Nel 2023, il livello dei prezzi di alcol e tabacco era 3,2 volte più alto in Irlanda, il Paese più costoso, rispetto alla Bulgaria, il meno costoso. I livelli di prezzo più bassi per alcol e tabacco sono stati registrati in Bulgaria (66% della media UE), Polonia (77%) e Romania (85%). Nel frattempo, i livelli più alti sono stati registrati in Irlanda (211%), Finlandia (170%) e Danimarca (133%). Questa grande variazione di prezzo è dovuta principalmente alle differenze nella tassazione di questi prodotti.

LEGGI ANCHE:  Qatargate, Garraud: "Ex commissario Avramopoulos pagato da Fight impunity".

Ristoranti e hotel si classificano al secondo posto in termini di differenza di livello dei prezzi, con i livelli di prezzo più bassi registrati in Bulgaria (52% della media UE), Romania (65%) e Ungheria (72%) e i più alti in Danimarca (152%). Finlandia (129%) e Irlanda (128%). 

L’abbigliamento si è classificato al terzo posto in termini di variazione del livello dei prezzi, con Spagna (81%), Bulgaria (82%) e Ungheria (88%) che hanno registrato i prezzi di abbigliamento più economici, mentre i più costosi sono stati Danimarca (131%), Repubblica Ceca (126% ) ed Estonia (118%).

Sono state registrate disparità anche per i prodotti alimentari e le bevande analcoliche (che variano dal 74% della media UE in Romania al 119% in Lussemburgo), le attrezzature per il trasporto personale (che variano dal 90% in Slovacchia al 129% in Danimarca) e l’elettronica di consumo (che variano dal 90% in Slovacchia al 129% in Danimarca) dal 92% in Italia al 113% in Francia). 

LEGGI ANCHE:  Giornata dell'Europa, Ursula von der Leyen: "Settantadue anni dopo, l'Europa è più forte e unita che mai".

foto Emily Heidt da Pixabay.com