Concorso scuola, MIM: “Sul livello di difficoltà sollevate polemiche molto superficiali”.

In ordine alle polemiche sollevate da alcune testate giornalistiche circa il basso livello di difficoltà dei quesiti del concorso per docenti, le cui prove scritte si sono svolte tra l’11 e il 19 marzo e hanno visto la partecipazione di 372.804 concorrenti iscritti alla procedura, si intendono fare alcune doverose precisazioni.

Critiche per l’Esecutivo Meloni, mosse sulla base di notizie riportate da alcuni siti di informazione scolastica che, a loro volta, avrebbero pubblicato il contenuto di un numero esiguo di quesiti (due o tre) resi noti da qualche concorrente al termine delle prove.

Al riguardo, spiegano dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, si ricorda che le prove scritte hanno previsto la somministrazione a ciascun candidato di 50 quesiti a risposta multipla, di carattere pedagogico, psico-pedagogico, metodologico-didattico e attinenti alla lingua inglese e alle conoscenze informatiche. Poiché è stato necessario organizzare 13 turni di esame (tre per il concorso della scuola dell’infanzia e primaria e dieci per la scuola secondaria) i quesiti complessivamente elaborati e oggetto di prova sono stati 650.

LEGGI ANCHE:  Concorso Scuola 2024, Silvio Lai: "Docenti sardi discriminati, intervenga Valditara".

È di tutta evidenza la grande superficialità di chi ha inteso giudicare il livello di difficoltà dei 650 quesiti basandosi esclusivamente sulla conoscenza del contenuto di due, tre di questi, scelti forse non casualmente fra i più semplici.

Pertanto, si ritiene utile pubblicare, a titolo di esempio, una batteria di 50 quesiti proposti per la prova scritta della scuola dell’infanzia e primaria e una batteria di 50 quesiti per la prova della scuola secondaria. In entrambe le batterie ricorrono domande di media e alta difficoltà, assieme ad altre di difficoltà bassa. Ciò, come è intuitivo, risponde a una tecnica valutativa che permette di distribuire i concorrenti su una scala che ne differenzia i punteggi e consente di selezionare i migliori. È fra l’altro un criterio in uso presso tutti i concorsi.

LEGGI ANCHE:  Scuola, 700 milioni per le scuole paritarie.

Tenendo presente che il punteggio minimo per superare la prova scritta è stabilito in 70 punti, sui 44.615 ammessi all’orale per la scuola dell’infanzia e primaria il 61,19% (27.299 degli ammessi) ha riportato un punteggio compreso fra 70 e 81, mentre il 4,13% (1.844 degli ammessi) ha riportato un punteggio fra 91 e 96 e solo lo 0,44% (196 degli ammessi) ha conseguito un punteggio fra 97 e 100. Per la scuola secondaria, sui 197.894 ammessi agli orali il 52,38% (103.652 degli ammessi) ha riportato un punteggio compreso fra 70 e 81, il 6,20% (12.267 degli ammessi) un punteggio fra 91 e 96 e lo 0,65% (1.277 degli ammessi) ha conseguito un punteggio da 97 a 100.

LEGGI ANCHE:  Concorsi scuola, Michele Pais: "Vicino ai docenti precari".