Cagliari-Juventus, Walter Zenga: “Voglia di riscatto”.

Penultima conferenza stampa pre-gara della stagione per Walter Zenga, alla vigilia della sfida contro la Juventus, in programma mercoledì alle 21.45 alla Sardegna Arena. Palpabile la voglia del tecnico dei rossoblù di riscattarsi sul campo contro la Juventus: “Sarà una partita difficile, come sempre quando si affronta una grande squadra quale è la Juventus, per la quale non esistono amichevoli o gare a bassa intensità. Ciò che mi interessa è quello che sarà e farà il Cagliari, con voglia di vincere e fare la sua partita. Ci siamo sempre espressi benissimo, al netto della gara di Genova e il primo tempo di Verona. Ci manca da un po’ la vittoria, i numeri a volte condannano anche le migliori prestazioni”.

LEGGI ANCHE:  Dinamo, Edoardo Casalone: "Contro il Polski Torun massima attenzione".

“Il nostro – ha proseguito Zenga – sembra un percorso da montagne russe, perché a ogni partita perdiamo un giocatore molto pesante, e questo credo vada sottolineato, alla stregua di una problematica in più a quelle che tutte le squadre e gli allenatori hanno in questo periodo anomalo. Mancherà Nandez, non ci saranno come nelle scorse gare Nainggolan e Pellegrini, contro l’Udinese eravamo senza Rog: diventa complicato trovare sempre delle soluzioni con la coperta corta e dovendo spremere i pochi elementi a disposizione”.

Il tecnico poi ha rimarcato il momento no della squadra: “Il Presidente è arrabbiato? Ha tutte le ragioni d’esserlo, è sacrosanto quando i risultati non arrivano. Siamo tutti arrabbiati, io in primis come è obbligatorio per un allenatore, e insieme a me i calciatori”.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato: Prelec in rossoblù.

In vista dell’incontro casalingo Zenga ha concluso parlando del possibile assetto della squadra che giocherà dal primo minuto contro ‘la Signora’: “Rog dovrebbe recuperare, incrociamo le dita. Pereiro potrebbe avere le sue chance come nelle scorse gare, e penso le abbia sfruttate bene giocando sia dietro la punta che sull’esterno. Ladinetti è un regista da centrocampo a tre, Marigosu e Gagliano non ci sono per niente dispiaciuti, in pochi hanno fatto esordire tanti ragazzi della Primavera come abbiamo fatto noi: siamo orgogliosi e felici di avere dato opportunità a tanti calciatori e alla società di poterli valutare in prospettiva”.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.