Aiuti di Stato: sì all’emendamento alla carta degli aiuti regionali 2022-2027 per l’Italia.

La Commissione europea ha approvato, ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato, una modifica della mappa dell’Italia per la concessione di aiuti regionali dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2027, nel quadro degli orientamenti sugli aiuti regionali rivisti.

Il 2 dicembre 2021 la Commissione aveva approvato la carta degli aiuti a finalità regionale 2022-2027 per l’Italia, modificata il 18 marzo 2022 . Il 16 dicembre 2022 la Commissione ha approvato i Piani territoriali per una transizione giusta dell’Italia che individuano i territori ammissibili al sostegno del Fondo per una transizione giusta . I territori sono situati in regioni ammissibili all’aiuto ai sensi dell’articolo 107, paragrafo 3, lettera a) del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (le cosiddette zone “a”), che consente di concedere aiuti a sostegno delle regioni più svantaggiate.

LEGGI ANCHE:  Competenze digitali: nel 2023 il 55% dei cittadini Ue possedeva capacità di base.

Al fine di affrontare ulteriormente le disparità regionali, la modifica della carta degli aiuti regionali dell’Italia approvata oggi consente importi massimi più elevati di aiuto agli investimenti in quei territori. Gli importi massimi dell’aiuto aumenteranno dal 40% al 50% dei costi di investimento ammissibili in una parte della regione Puglia e dal 30% al 40% dei costi di investimento ammissibili in alcune parti della regione Sardegna.