“Vado al Massimo”. Per i 40 anni dell’album una riedizione rimasterizzata.

In occasione del quarantesimo anniversario di “Vado al Massimo”, Carosello Records storica etichetta di Vasco, pubblicherà il 9 dicembre 2022 una speciale riedizione rimasterizzata del rivoluzionario disco del 1982, che contiene, oltre alla title track, brani straordinari come “Ogni volta”, “Canzone”, “Splendida giornata”, “La noia”.

La special edition sarà disponibile in preorder al link https://vascorossi.lnk.to/40VAM e include il cd, il vinile, un inedito libro cartonato e a colori, a cura del giornalista Marco Mangiarotti nato da una lunga e recente chiacchierata con Vasco, in cui racconta la storia di “Vado al massimo”, la sua esperienza al Festival, le interviste a coloro che hanno partecipato alla realizzazione del disco e foto inedite di quel periodo.

Nel cofanetto da collezione, a tiratura limitata, sarà presente una cartolina per il download gratuito dello storico remix di “Una splendida giornata” e in versione rimasterizzata anche il 45 giri culto di Vado al massimo, canzone portata al Festival di Sanremo, e come b side “Ogni volta”.

LEGGI ANCHE:  Esce oggi l'ultimo album di Santoianni "Non ho santi in paradiso".

“VADO AL MASSIMO 40th Rplay Special Edition” (etichetta Carosello Records – distribuzione Universal Music) è stato masterizzato da Maurizio Biancani, che ha dato nuova vita alle 9 tracce dell’album del 1982, per un ascolto eccezionale come mai avuto prima. Biancani non è solo uno dei più importanti ingegneri del suono della musica italiana, ma è stato anche lo storico fonico della versione originale dell’album “VADO AL MASSIMO”.

“VADO AL MASSIMO”, considerato uno vero spartiacque della musica italiana, è il primo disco pubblicato per Carosello Records, che vendette allora oltre 200.000 copie restando in classifica per ben 16 settimane, tanto da valergli la certificazione di disco di platino. Il titolo è ovviamente legato all’omonimo brano “Vado al massimo” che lo ha vide esordire sul palco del Festival di Sanremo su invito di Gianni Ravera che da buon intenditore, aveva capito che Vasco rappresentava il nuovo rispetto a tutta la musica che circolava allora. In un mercato discografico dominato da cantanti melodici leggeri e da cantautori “politicamente impegnati”, e un crescente interesse radiofonico verso la “Disco Music”, il suo rock genuino e provocatorio era qualcosa di raro, quasi unico.

LEGGI ANCHE:  Le Terme di Diocleziano tornano a vivere in 3D

Vasco decise di accettare l’invito di Ravera e mettersi in gioco, seguendo quella sincera urgenza comunicativa che segnò la sua partecipazione al Festival come uno dei momenti emblematici della sua carriera che lo hanno consacrato nel tempo come la più grande rockstar del nostro Paese.

Si presentò in modo rock, spontaneo e irriverente come nessun altro, impersonando lo spirito provocatorio e goliardico sia del testo che della musica di “Vado al massimo” in una performance che rimase impressa nella memoria collettiva di tutta la nazione, un vero e proprio evento della storia della canzone italiana.

Ad affiancare il brano “Vado al massimo” ci sono capolavori come “Canzone”, che apre con le strofe dedicate al padre, “Ogni volta” brano intimo e personale che la critica non comprese immediatamente, le intramontabili hit “La noia” e “Splendida giornata”, “Amore… aiuto” che Vasco ha riportato sul palco nel tour dei record di quest’anno.

LEGGI ANCHE:  Il Teatro Lirico di Cagliari riapre completamente al pubblico. Nicola Colabianchi: "Grande prova di resistenza e responsabilità".