Vaccini anti Covid, PD: “Ritardo della Giunta Solinas”.

La campagna vaccinale contro il Covid-19 è già iniziata, ma, per il Partito Democratico sardo, l’isola è la regione, subito dopo Abruzzo e Molise, che ha effettuato, in percentuale, meno vaccini rispetto alle dosi consegnate.

“Al 2 gennaio 2021 in regione sono state consegnate 12.855 dosi di vaccino e ne sono state somministrate solo 242, per una percentuale dell’1,9% contro il 34,8% della Provincia Autonoma di Trento”, evidenziano i consiglieri regionali del PD.

Roberto Deriu, foto Sardegnagol riproduzione riservata
Roberto Deriu, foto Sardegnagol riproduzione riservata

“Oltre un mese e mezzo fa – il 16 novembre 2020 – avevamo sollecitato la Regione affinché intervenisse con urgenza per predisporre un piano inerente all’organizzazione delle vaccinazioni anti Covid-19 all’interno della Sardegna. Evidentemente – continuano i consiglieri del gruppo PD – il nostro appello non è stato ascoltato e ora i cittadini sardi ne pagano le conseguenze”.

“Purtroppo, la giunta Solinas si è fatta trovare ancora una volta impreparata senza intervenire tempestivamente, e i numeri lo certificano. Ma non solo, se non verranno immediatamente comunicati i dati dell’andamento dei contagi, la Sardegna resterà zona rossa anche dopo il 7 gennaio. Il serio rischio  – concludono i consiglieri PD –  è che i cittadini sardi paghino un prezzo ancora più alto di quanto non abbiano già fatto”.

LEGGI ANCHE:  Eugenio Lai: “Errore destinare l’ospedale Binaghi a centro Covid”.

Foto Sardegnagol riproduzione riservata