Vaccinazioni, Stefano Schirru: “La medicina del territorio deve essere protetta”.

No alla distribuzione dei vaccini in base al Pil regionale e accelerare le procedure di consegna dei vaccini per il personale impegnato in prima linea contro il Covid.19 in Sardegna. Così, oggi è intervenuto il consigliere regionale del Partito Sardo d’Azione, Stefano Schirru: “Ho appreso del misterioso ritardo per la consegna dei vaccini ma non lo accetto. E meno che mai accetto che le dosi siano distribuite sulla base della ricchezza delle Regioni, come qualche barzellettiere mancato sta facendo ipotizzare sui giornali. L’ho fatto presente all’assessore Nieddu ribadendo che secondo noi e secondo il protocollo ministeriale la medicina del territorio deve essere protetta quanto prima. Il governo italiano – ha concluso l’esponente sardista – assicuri subito alla Sardegna le scorte per i medici e i pediatri di famiglia, perché siano vaccinati il prima possibile: a parte il personale ospedaliero e quello del 118 nessuno rischia il contagio più di loro”.

LEGGI ANCHE:  Sassari. Vaccinati i primi pazienti oncologici.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata