Ucraina: Mattarella ha presieduto la riunione del Consiglio Supremo di Difesa.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha presieduto, al Palazzo del Quirinale, la riunione del Consiglio Supremo di Difesa. Alla riunione hanno partecipato Mario Draghi, Luigi Di Maio, la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti e il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Giuseppe Cavo Dragone.

“Il Consiglio Supremo di Difesa – reca la nota stampa – esprime la più ferma condanna per l’ingiustificabile aggressione militare lanciata dalla Federazione Russa contro l’Ucraina, che rappresenta una grave e inaccettabile violazione del diritto internazionale e una concreta minaccia alla sicurezza e alla stabilità globali. La Repubblica Italiana chiede alla Federazione Russa l’immediata cessazione delle ostilità e il ritiro delle forze fuori dai confini internazionalmente riconosciuti dell’Ucraina”.

Consiglio Supremo di Difesa, foto Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica
Sergio Mattarella, Mario Draghi, foto Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica

Facendo seguito a quanto dichiarato nel corso della giornata dalla NATO e dai vertici europei, anche il Consiglio Supremo della Difesa ha ribadito il sostegno all’indipendenza e integrità territoriale dell’Ucraina: “La Repubblica Italiana esprime massima vicinanza e solidarietà al popolo ucraino e alle sue legittime Istituzioni, alle vittime e alle tante persone che ne soffriranno le conseguenze”.

LEGGI ANCHE:  Lukas Mandl: "Corpo europeo di solidarietà per emergenza in Ucraina".